Home / Attualità / Morbo di Alzheimer, essere intelligenti non protegge dalla malattia (ma c’è una buona notizia)

Morbo di Alzheimer, essere intelligenti non protegge dalla malattia (ma c’è una buona notizia)

Alla ricerca di indizi su ciò che può ritardare o prevenire il morbo di Alzheimer, gli scienziati della Johns Hopkins Medicine riferiscono che le persone più intelligenti e più istruite non sono protette dalla malattia, ma possono comunque vantare un miglior elemento cognitivo, tale da mantenere le loro menti in un miglior livello di funzionamento temporale.

Messa in un altro modo, affermano i ricercatori, coloro che dispongono di una maggiore riserva cognitiva hanno più margine prima che i sintomi della malattia di Alzheimer inizino a interferire con la loro vita quotidiana rispetto a coloro che non hanno così tanta formazione o intelligenza.

I risultati, pubblicati nel numero di aprile del Journal of Alzheimer’s Disease, suggeriscono – ma non provano – che esercitare il proprio cervello potrebbe aiutare a mantenere le persone cognitivamente funzionali più a lungo, anche se non eviterà l’inevitabile declino della malattia di Alzheimer.

Il nostro studio è stato progettato per cercare le tendenze, e non dimostrare causa ed effetto, ma la principale implicazione del nostro studio è che l’esposizione all’istruzione e migliori prestazioni cognitive quando sei più giovane può aiutare a preservare la funzione cognitiva per un po ‘, anche se è improbabile che cambi il corso della malattia,” afferma Rebecca Gottesman, M.D., Ph.D., docente di neurologia presso la Johns Hopkins University School of Medicine e di epidemiologia presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

Considerato che non sono disponibili opzioni di trattamento efficaci per la malattia di Alzheimer o altre forme di demenza, i ricercatori sono interessati a identificare i modi per prevenire o ritardare la malattia. Studi precedenti hanno suggerito che le persone con una intelligenza superiore o più istruzione potrebbero avere tassi più bassi di contrazione di queste malattie, e il team di Gottesman ha progettato uno studio per testare l’idea.

Nello studio, i ricercatori hanno utilizzato i dati di un importante studio federale, in cui quasi 16.000 partecipanti sani sono stati iscritti dal 1987 al 1989 e seguiti nei decenni successivi. Vent’anni dopo lo studio, i partecipanti avevano in media 76 anni. Circa il 57% erano donne, e il 43% erano afro-americani.

I ricercatori si sono concentrati su un gruppo di 331 partecipanti senza demenza, che facevano parte di uno studio aggiuntivo, lo studio ARIC-PET, in cui i partecipanti erano già stati sottoposti a brain imaging specializzato. Circa 54 avevano meno di un’istruzione di scuola superiore, 144 avevano completato la scuola superiore, e 133 avevano ottenuto un’istruzione accademica.

Vent’anni dopo, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica e tomografia ad emissione di positroni (PET) per misurare i livelli della proteina beta amiloide accumulata nel cervello, un marcatore standard della malattia di Alzheimer. Il punteggio medio della PET scan che indica la quantità di beta proteina amiloide nel cervello dopo essere stato confrontato con una parte del cervello in cui la beta amiloide beta non si accumula è stato di 1,2. Circa 171 partecipanti sono stati classificati come aventi valori elevati superiori a questo standard, mentre i restanti partecipanti sono stati assegnati alla categoria dei valori beta dell’amiloide non elevati.

Nella tarda età (65-84 anni), la cognizione di ogni partecipante è stata valutata con 10 test standard di memoria, linguaggio e altre funzioni intellettuali. Tre di questi test sono stati somministrati anche a 10 anni di distanza. Il punteggio medio che indica la cognizione normale è stato azzerato a fini statistici, con un valore di 1 che indica un punteggio superiore alla media, e -1 che indica un punteggio inferiore alla media.

Ebbene, i partecipanti con qualsiasi livello di beta amiloide e con un’istruzione universitaria, post-laurea o professionale avevano punteggi cognitivi medi di circa una o più unità standard superiori a quelli che avevano meno di una scuola superiore, indipendentemente dai livelli di beta amiloide nel cervello.

I nostri dati suggeriscono che una maggiore educazione sembra giocare un ruolo come una forma di riserva cognitiva che aiuta le persone a fare meglio alla linea di base, ma non influisce sul livello effettivo di declino“, dice Gottesman. “Questo rende gli studi difficili perché chi ha una buona educazione può essere meno propenso a mostrare un beneficio di un trattamento sperimentale perché sta già facendo bene”.

Ciò significa che per la futura ricerca sullo sviluppo di terapie per il morbo di Alzheimer, dice Gottesman, è importante concentrarsi su una sorta di biomarcatore indipendente e specifico per mostrare l’effettivo beneficio del trattamento.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Chi crede alle teorie cospirazioniste ha maggiori probabilità di commettere un crimine

Secondo una nuova ricerca le persone che sono più propense a credere nelle teorie del ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *