Home / Attualità / Ascoltare musica prima di dormire nuoce alla qualità del riposo?

Ascoltare musica prima di dormire nuoce alla qualità del riposo?

Molte persone hanno l’abitudine di ascoltare la musica durante la giornata e, molto spesso, anche vicino all’ora di andare a letto. Ma questo può effettivamente turbare il tuo sonno?

A domandarselo è stato il ricercatore Michael Scullin, professore associato di psicologia e neuroscienze presso la Baylor University, che si è reso conto di svegliarsi nel bel mezzo della notte con una canzone in testa. Ha dunque colto l’occasione per cercare di capire in che modo la musica potrebbe influenzare i modelli di sonno.

Il recente studio di Scullin, pubblicato su Psychological Science, ha indagato il rapporto tra l’ascolto della musica e il sonno, concentrandosi su un meccanismo raramente esplorato: immagini musicali involontarie, o “earworms,” quando una canzone o una melodia si ripete più e più volte nella mente di una persona. Di norma questi accadimenti succedono più comunemente durante la veglia, ma Scullin ha scoperto che possono anche accadere mentre si cerca di dormire.

Il nostro cervello continua a elaborare la musica anche quando non sta ascoltando, e apparentemente mentre stiamo dormendo“, ha detto Scullin. “Tutti sanno che ascoltare musica fa sentire bene. Gli adolescenti e i giovani adulti ascoltano abitualmente la musica vicino all’ora di andare a letto. Ma a volte si può avere un eccesso di qualcosa che fa bene. Più si ascolta la musica, più è probabile che si abbia una sorta di tarlo che non va via all’ora di andare a letto. Quando questo accade, è probabile che il tuo sonno ne risenta”.

Le persone che sperimentano regolarmente gli earworms di notte – una o più volte a settimana – hanno sei volte più probabilità di avere una scarsa qualità del sonno rispetto alle persone che raramente sperimentano questa condizione. Sorprendentemente, lo studio ha scoperto che una certa musica strumentale ha più probabilità di portare a earworms e interrompere la qualità del sonno rispetto alla musica lirica.

Un primo sondaggio ha coinvolto 209 partecipanti che hanno completato una serie di indagini sulla qualità del sonno, le abitudini di ascolto della musica e la frequenza di earworm, tra cui quanto spesso hanno sperimentato un earworm mentre cercavano di addormentarsi, svegliandosi nel mezzo della notte e immediatamente al risveglio al mattino.

Nello studio sperimentale, poi, 50 partecipanti sono stati portati allo Scullin’s Sleep Neuroscience and Cognition Laboratory a Baylor, dove il team di ricerca ha tentato di indurre earworms per determinare come hanno influenzato la qualità del sonno. La polisonnografia – un test completo per il sonno – è stata utilizzata per registrare le onde cerebrali dei partecipanti, la frequenza cardiaca, la respirazione e altro ancora mentre dormivano.

Prima di andare a letto, abbiamo fatto ascoltare tre canzoni popolari e orecchiabili: ‘Shake It Off’ di Taylor Swift, ‘Call Me Maybe’ di Carly Rae Jepsen e ‘Don’t Stop Believin’ dei Journey“, ha detto Scullin. “Abbiamo assegnato a caso i partecipanti ad ascoltare le versioni originali di queste canzoni o le versioni strumentali de-liricizzate delle canzoni. I partecipanti hanno risposto se e quando hanno sperimentato un earworm. Poi abbiamo analizzato se questo ha avuto un impatto sulla loro fisiologia del sonno notturno. Le persone che hanno preso un earworm hanno avuto maggiore difficoltà ad addormentarsi, più risvegli notturni, e ha trascorso più tempo in fasi leggere del sonno“.

Inoltre, le registrazioni dell’attività elettrica nel cervello hanno permesso di esaminare i marcatori fisiologici del consolidamento della memoria dipendente dal sonno. Il consolidamento della memoria – ricordiamo – è il processo attraverso il quale i ricordi temporanei vengono spontaneamente riattivati durante il sonno e trasformati in una forma più a lungo termine.

Abbiamo pensato che le persone avrebbero avuto degli earworms alle orecchie al momento di andare a letto quando cercavano di addormentarsi, ma certamente non sapevamo che le persone avrebbero riferito di svegliarsi regolarmente dal sonno con un verme alle orecchie. Ma abbiamo visto che sia nel sondaggio che nello studio sperimentale“, ha poi proseguito il ricercatore.

In particolare, i partecipanti che hanno avuto un earworm nel sonno hanno mostrato oscillazioni più lente durante il sonno, un marcatore di riattivazione della memoria. L’aumento delle oscillazioni lente era dominante sulla regione corrispondente alla corteccia uditiva primaria, che è implicata nell’elaborazione degli earworms quando le persone sono sveglie.

Quasi tutti pensano che la musica migliori il loro sonno, ma abbiamo trovato che coloro che hanno ascoltato più musica dormivano peggio“, ha detto Scullin. “Ciò che è stato davvero sorprendente è che la musica strumentale ha portato a una peggiore qualità del sonno – la musica strumentale porta a circa il doppio degli earworms”.

Lo studio ha poi scoperto che gli individui con maggiori abitudini di ascolto della musica hanno sperimentato earworms persistenti e un declino della qualità del sonno.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

La tua relazione ti blocca? È ora di lasciarla andare

Ecco come rimaniamo bloccati in relazioni stagnanti che non ci permettono di esprimere la nostra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *