Home / Roberto Rais

Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Antipsicotici, trovato uno spray per somministrarli per via nasale

Un team di neuroscienziati e di ingegneri della McMaster University ha prodotto uno spray nasale per somministrare farmaci antipsicotici direttamente al cervello, invece di farli passare attraverso altri organi del proprio corpo. Questo salto di efficienza significa che i pazienti affetti da schizofrenia, disturbo bipolare e altre condizioni potrebbero vedere le loro dosi di potenti farmaci antipsicotici ridotte di ben ...

Read More »

Narcolessia e cataplessia: scoperti i neuroni responsabili

La narcolessia e la cataplessia sono malattie gravi legate al sonno, per le quali ancora non esiste una cura definitiva ed efficace. Tuttavia, ora, i ricercatori dell’Università di Tsukuba guidati dal professor Takeshi Sakurai hanno individuato alcuni neuroni nel cervello che collegano questi disturbi, e potrebbero fornire un obiettivo concreto per delle cure nel breve e nel medio termine. In ...

Read More »

Depressione e alimentazione, scoperta una connessione nell’universo femminile

Le fibre sono componenti comunemente raccomandate in una dieta sana: fanno bene alla salute in tanti modi – dalla gestione del peso alla riduzione del rischio di diabete, malattie cardiache e alcuni tipi di cancro. Un nuovo studio ha tuttavia anche scoperto che l’assunzione di fibre potrebbe essere collegata con un ridotto rischio di depressione, soprattutto nelle donne in premenopausa. ...

Read More »

Intelligenza artificiale: passo in avanti per le macchine che pensano come il cervello umano

Far “pensare” i computer come se fossero degli esseri umani è uno dei fini ultimi dell’intelligenza artificiale. Tuttavia, almeno fino ad ora, i cervelli umani si rivelano essere molto difficili da replicare: il cervello umano è infatti ineguagliabile nell’applicare la conoscenza appresa in precedenza a nuove situazioni e nel raffinare costantemente ciò che è stato appreso. E questa capacità di ...

Read More »

COVID-19, quali sono i danni al cervello?

Uno dei primi studi basati sull’imaging spettroscopico di lesioni neurologiche in pazienti affettida COVID-19 è stato recentemente pubblicato dai ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) sull’American Journal of Neuroradiology. Ebbene, gli studiosi hanno scoperto che i pazienti affetti da COVID-19 con sintomi neurologici mostrano alcuni degli stessi disturbi metabolici nel cervello di altri pazienti che hanno sofferto di deprivazione di ...

Read More »

Melatonina: nuovi passi in avanti per capire come “funziona” nel cervello

La melatonina è da tempo usata come integratore alimentare per promuovere un migliore sonno e per poter superare gli effetti del jet lag. Tuttavia, nessuno finora è riuscito a capire realmente come funzionasse nel nostro cervello. Ebbene, ora i ricercatori di UConn Health hanno dimostrato che non solo la melatonina aiuta l’uomo a riposare meglio ma… i suoi effetti sono ...

Read More »

Amigdala e abuso di alcol, scoperte nuove importanti relazioni

Nel nostro cervello c’è una piccola regione chiamata amigdala, che gioca un ruolo vitale nel modo in cui gestiamo emozioni, comportamento e motivazione. Comprensibilmente, è anche fortemente implicata nell’abuso di alcol, tale da renderla un punto focale nello studio condotto da Marisa Roberto, PhD, docente del Dipartimento di Medicina Molecolare della Scripps Research. Per la prima volta, Roberto e il ...

Read More »

Empatia e immedesimazione: ecco come funzionano nel nostro cervello

Capire cosa vogliono da noi gli altri, come si sentono e come percepiscono il mondo, sono capacità che stanno divenendo sempre più importanti nella nostra società, complessa e globalizzata. Le competenze sociali ci permettono infatti di fare amicizia e di creare una rete di persone che ci sostengono. Ma non tutti trovano facile interagire con le altre persone. E una ...

Read More »

Apnea notturna e demenza, quali collegamenti?

Un nuovo studio della Monash University ha scoperto che l’apnea ostruttiva del sonno è potenzialmente collegabile ad un incremento del rischio di demenza. Lo studio, pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease, e condotto dalla dottoressa Melinda Jackson del Turner Institute for Brain and Mental Health, ha scoperto che l’apnea notturna grave è legata ad un aumento di una proteina, chiamata ...

Read More »