Home / Psicologia / Non ti amo più! Come capire se l’amore è davvero finito
Come dire al partner che non lo ami più

Non ti amo più! Come capire se l’amore è davvero finito

L’amore è un sentimento bellissimo, ma deve essere assolutamente condiviso. Cosa accade se uno dei due smette di amare? A voi non è mai successo di non amare più il vostro partner e di non sapere come dirlo?

E se l’amore finisce…come capirlo?

Quando ci si innamora è tutto più facile: farfalle nello stomaco, testa sempre fra le nuvole, mancanza di appetito, mani che sudano e quella grande voglia di stare con lui/lei in questione. Ti bastano solo questi sintomi per capire di essere innamorata/o; ma come fai ad accorgerti invece quando l’amore finisce?

Il vero problema è se l’amore finisce (come di solito accade) solo da una parte, mentre l’altra continua ad amare ancora.

Come fare per dirlo al partner?

Sicuramente non è facile dire alla persona con cui abbiamo condiviso tanti bei momenti che l’amore è finito, ma in questi casi, arrampicarsi sugli specchi con le solite scuse banali ( non sono adatta a te, non mi sento amata….) non servirebbe a nulla. Otterremo solo una maggiore sofferenza.

Fa male, ma meglio essere sinceri

Per prima cosa, bisogna essere sicuri che l’amore sia davvero finito e che non si tratti solo di un momento di stanchezza della coppia; ma se dopo questa attenta riflessione (magari prendetevi un momento di pausa) ritieni di non amarlo/a più, allora la sincerità è l’unica soluzione possibile.

Tuttavia, quando l’amore finisce ci sono dei segnali che si avvertono prima: non si ha più lo stesso dialogo, la sessualità non è più come prima, si iniziano a fare cose diverse, non si fanno più progetti per il futuro; insomma, la coppia inizia lentamente a morire dentro.

Approfitta dunque di queste situazioni per far capire al tuo partner che qualcosa non sta funzionando e provate insieme a capire se è solo un momento transitorio oppure se il sentimento sta finendo.

A questo punto, meglio chiudere subito un rapporto finito che trascinarlo in una lenta e sofferente agonia.

Vedi Anche

Dipendenza da cibo: 5 sintomi per diagnosticarla

Non è la dipendenza più diffusa, né la più grave, ma esiste, e per qualcuno ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *