Home / Attualità / Il sonno ci aiuta a costruire i ricordi

Il sonno ci aiuta a costruire i ricordi

I neuroscienziati dell’Università di Alberta hanno identificato un meccanismo che, secondo la ricostruzione effettuata, può aiutarci a costruire ricordi durante il sonno profondo.

Questo studio si è principalmente incentrato sul ruolo del nucleo, un’area che collega altre due strutture cerebrali coinvolte nella creazione dei ricordi – la corteccia prefrontale e l’ippocampo – e può coordinare la loro attività durante il sonno ad onde lente.

Le onde lente durante il sonno giovano ai nostri ricordi per le esperienze personali, probabilmente a causa dell’attività coordinata nella corteccia prefrontale e nell’ippocampo“, ha spiegato Brandon Hauer, dottorando presso la Facoltà di Scienze e autore principale dello studio. “Abbiamo scoperto che il nucleo reuniens è responsabile del coordinamento delle onde sincrone e lente tra queste due strutture. Questo significa che le riunioni possono svolgere un ruolo essenziale per il consolidamento della memoria degli eventi in funzione del sonno“.

Il sonno ad onde lente è la fase più profonda del sonno, durante la quale il cervello oscilla ad un ritmo molto lento, una volta al secondo. È fondamentale per il recupero muscolare e cerebrale ed è stato dimostrato che svolge un ruolo nel consolidamento della memoria.

Prima di questo studio, non sapevamo cosa fosse responsabile del collegamento tra la corteccia prefrontale e l’ippocampo“, ha aggiunto Hauer, che ha condotto la ricerca sotto la supervisione di Clay Dickson, professore del Dipartimento di Psicologia e Silvia Pagliardini, professore associato del Dipartimento di Fisiologia. “Questa zona cerebrale, poco studiata e relativamente sconosciuta, ha probabilmente un ruolo sostanziale nella formazione di ricordi a lungo termine durante il sonno. Quindi, se hai studiato a fondo per un test e poi ci hai dormito sopra, potresti dover ringraziare le tue reuniens del nucleo per aver trasformato quella conoscenza in una memoria più permanente”.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come il nostro cervello può distinguere le voci

Non tutti sanno che il nostro cervello ha una notevole capacità di distinguere una voce ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *