Home / Attualità / La meditazione protegge il cervello dagli errori

La meditazione protegge il cervello dagli errori

Chi ha l’abitudine di dimenticare qualcosa o di commettete degli errori se va di fretta, secondo quanto rivela un nuovo studio della Michigan State University – il più grande del suo genere fino ad oggi – potrebbe avere nella meditazione uno strumento di grande aiuto a divenire meno inclini agli sbagli.

La ricerca, pubblicata su Brain Sciences, ha infatti sperimentato in che modo la meditazione – o almeno quella pratica che si concentra sulla consapevolezza di sentimenti, pensieri o sensazioni nella propria mente e nel proprio corpo, possa stimolare a contenere il numero di disattenzioni e errori.

L’interesse della gente nella meditazione e la consapevolezza è superiore a quello che la scienza può dimostrare in termini di effetti e benefici” ha detto Jeff Lin, co-autore dello studio. “Ma è incredibile scoprire che siamo stati in grado di vedere come una sessione di una meditazione guidata può produrre cambiamenti nell’attività cerebrale di chi non ha l’abitudine a meditare“.

I risultati suggeriscono infatti che diverse forme di meditazione possono avere diversi effetti neurocognitivi e Lin ha spiegato che c’è ancora poca ricerca su come il monitoraggio della meditazione possa influire sul riconoscimento degli errori.

Alcune forme di meditazione si concentrano su un singolo oggetto, comunemente il respiro, ma il monitoraggio aperto della meditazione è un po ‘diverso“, ha detto Lin. “Ti permette di sintonizzarti verso l’interno e prestare attenzione a tutto ciò che accade nella tua mente e corpo. L’obiettivo è quello di sedersi tranquillamente e prestare molta attenzione a dove viaggia la mente senza essere troppo coinvolti nell’ambiente“.

Per arrivare ai propri risultati, Lin e i suoi co-autori della MSU – William Eckerle, Ling Peng e Jason Moser – hanno reclutato più di 200 partecipanti per testare come la meditazione possa influenzare il modo in cui le persone rilevano e rispondono agli errori.

I partecipanti, che non avevano mai meditato prima, sono stati coinvolti in un esercizio di meditazione di 20 minuti, mentre i ricercatori hanno misurato l’attività cerebrale attraverso l’elettroencefalografia. Poi, hanno completato un test di distrazione computerizzato.

L’EEG può misurare l’attività cerebrale al livello di millisecondi, così abbiamo ottenuto misure precise di attività neurale subito dopo gli errori rispetto alle risposte corrette“, ha detto Lin. “Un certo segnale neurale si verifica circa mezzo secondo dopo un errore chiamato positività dell’errore, che è legato al riconoscimento cosciente dell’errore. Abbiamo scoperto che la forza di questo segnale è aumentata nei meditatori rispetto ai controlli“.

I risultati degli studi, afferma Moser, “sono una chiara dimostrazione di ciò che solo 20 minuti di meditazione possono fare per migliorare la capacità del cervello di rilevare e prestare attenzione agli errori“.

Guardando al futuro, Lin ha detto che la prossima fase della ricerca sarà quella di includere un gruppo più ampio di partecipanti, testare diverse forme di meditazione e determinare se i cambiamenti nell’attività cerebrale possono tradursi in cambiamenti comportamentali con una pratica a più lungo termine.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

musica

Quanto tempo occorre al nostro cervello per riconoscere una canzone?

Il cervello umano è in grado di riconoscere una canzone che conosce già nel giro ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *