Home / Attualità / Sindrome da impulso compulsivo all’acquisto
shopping compulsivo
shopping compulsivo

Sindrome da impulso compulsivo all’acquisto

La sindrome da acquisto compulsivo, è una fobia o meglio un disturbo diagnosticato alla fine del XIX dallo psichiatra svizzero Eugene Bleiler, identificò per primo i sintomi di questo disturbo, come un ossessione ad acquistare di tutto, anche senza averne effettivo bisogno.

 Come si manifesta questo disturbo

I principali soggetti che soffrono di questa sindrome sono soprattutto giovani donne, che traggono piacere dal nuovo acquisto, per poi aumentare lo stato di crescente tensione, e il desiderio di acquistare sarà un impulso inarrestabile e incontrollabile.

Come risultato dell’acquisto ossessivo di oggetti di ogni genere, che di solito vengono accumulati oh anche buttati via, da esso ne deriva un il senso di colpa e la vergogna si rivelano causa scatenante per ripetere gli acquisti.

In particolare, l’accademico americano S.L. McElroy ha studiato questo fenomeno e ha proposto i seguenti criteri diagnostici per distinguere le persone che praticano lo shopping come attività normali, da quelle per le quali subentra. un modo di agire ossessivo:

Tutti questi oggetti vengono acquistati senza apparente motivo, e una volta capito di aver fatto un acquisto inutile e insensato, ne derivano ansia, stress e forti sensi di colpa si cerca di sbarazzarsi dell’acquisto, per eseguire la stessa azione con altri oggetti.

Il comportamento di acquisto causano grave stress, consumano tempo, interrompono significativamente le relazioni sociali e del lavoro o causano problemi finanziari (debito o fallimento).

Sebbene gli acquisti compulsivi esistevano molto prima dello sviluppo di nuove tecnologie, l’avvento di Internet ha portato a un aumento significativo di questo fenomeno.

Infatti, Internet permette alle persone di acquistare innumerevoli prodotti nei negozi di tutto il mondo in “tempo reale” e nel comfort della loro casa con una carta di credito o carta prepagata.

Lo shopping forzato online è una delle dipendenze da internet sviluppate durante la fase di ricerca osservativa del modello evolutivo proposto da Lavania. A questo punto, il soggetto utilizza passivamente Internet, acquistando, consigliando e sperperando i propri averi .

Come per la ludopatia, negli anni stanno nascendo centri specifici contro questo tipo di disturbo compulsivo e ossessivo, per maggiori informazioni chiedere al medico di base, oh a psicologi che hanno affrontato e conoscono bene le dinamiche del fenomeno, aiutandovi a guarire da questa sindrome.

 

About Silvia

Mi chiamo Silvia Terracciano, sono nata a Milano ed adottiva del Piemonte. Copywriter e Blogger. Nel 2008 ho conseguito il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. (per Contatti : sylviaterracciano[@]gmail.com )

Vedi Anche

Il modo con cui impariamo le lingue è molto più complesso di quanto pensiate

La capacità di apprendere e usare il linguaggio è una caratteristica esclusivamente umana. Ed è ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *