Home / Attualità / Un bel sorriso non aiuta la fiducia in se stessi

Un bel sorriso non aiuta la fiducia in se stessi

Una ricerca condotta presso l’Università di Adelaide ribalta la consolidata convinzione che avere un bel sorriso possa automaticamente aumentare la fiducia in se stessi.

Lo studio, condotto dal dottor Esma Dogramaci e dal professor David Brennan dell’Università di Adelaide, ha seguito 448 ragazzi di 13 anni nel 1988 e 1989. Nel 2005 e nel 2006, quando hanno compiuto 30 anni, più di un terzo di loro ha ricevuto un trattamento ortodontico.

Lo studio, che è il primo del suo tipo intrapreso in Australia e solo il secondo al mondo, ha esaminato se l’uso dell’apparecchio ortodontico potesse portare a un livello di felicità o a risultati psicosociali nello sviluppo della propria vita”, dice il dottor Dogramaci.

Abbiamo verificato un modello di punteggio psicosociale più alti nelle persone che non avevano avuto un trattamento ortodontico, il che significa che le persone che non avevano un apparecchio erano significativamente più ottimiste di quelle che avevano un apparecchio” – ha poi aggiunto.

Lo studio ha esaminato quattro diversi aspetti psicosociali: quanto bene le persone si sentivano in grado di affrontare situazioni nuove o difficili e le battute d’arresto associate a tale evenienza; quanto si sentivano in grado di prendersi cura della propria salute; il sostegno che la persona credeva di ricevere dalla propria rete personale di contatti; infine, il proprio livello di ottimismo.

Questi indicatori sono stati scelti perché sono importanti per il funzionamento psicosociale e sono rilevanti per i comportamenti e i risultati sulla salute, e poiché la questione centrale della ricerca era l’impatto del trattamento con l’apparecchio acustico sulla fiducia in se stessi e la felicità dei pazienti nella vita adulta”, ha aggiunto il dottor Dogramaci.

Il fatto che non vi fosse un rigido collegamento tra la disponibilità di un bel sorriso con i denti dritti e la sicurezza in se stessi non equivale però ad affermare che l’igiene orale non possa costituire una chiave vincente per la propria personalità. “Spazzolare i denti almeno due volte al giorno e andare regolarmente da un dentista erano infatti i fattori legati ai punteggi psicosociali migliori” – aggiunge il ricercatore.

In linea di massima, emerge dunque che “coloro che non hanno mai avuto un apparecchio acustico erano più positivi di coloro che avevano un apparecchio acustico. Mentre sperimentare il trattamento con l’apparecchio non garantisce la felicità più tardi nella vita, lavarsi i denti due volte al giorno e vedere un dentista per controlli regolari aiuterà a mantenersi in salute e felice” – chiosa il dottore.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Dieta e mente, nuova ricerca svela la relazione

Numerose ricerche hanno evidenziato nel tempo in che modo una dieta non sana possa essere ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *