Home / Attualità / Ascolto musicale, ecco come lavora il nostro cervello

Ascolto musicale, ecco come lavora il nostro cervello

Un team di ricercatori giapponesi ha usato la risonanza magnetica per studiare il cervello di un gruppo di studenti della scuola secondaria durante un compito incentrato sull’ascolto musicale. Hanno così scoperto che gli studenti che erano stati addestrati a suonare la musica fin dalla giovane età mostravano alcuni modelli di attività cerebrale in maniera più evidente e forte rispetto agli altri studenti. I ricercatori hanno anche osservato per la prima volta un legame specifico tra l’elaborazione musicale e le aree del cervello associate all’elaborazione del linguaggio.

Il professor Kuniyoshi L. Sakai della Graduate School of Arts and Sciences dell’Università di Tokyo è un appassionato musicista, come molti dei suoi colleghi. Sebbene abbia studiato il linguaggio umano attraverso la lente delle neuroscienze negli ultimi 25 anni, non è una sorpresa che studi anche l’effetto della musica sul cervello. Ispirati da una modalità di formazione musicale conosciuta come il metodo Suzuki, che si basa sulle idee di acquisizione del linguaggio naturale, Sakai e il suo team hanno voluto esplorare gli aspetti neurologici comuni della musica e del linguaggio.

Nel campo delle neuroscienze, è ben chiarito che ci sono aree del cervello che si occupano specificamente del linguaggio, e anche regioni specializzate che corrispondono a diverse parti dell’elaborazione del linguaggio come la grammatica o la sintassi“, ha detto Sakai. “Ci siamo chiesti se l’addestramento secondo il metodo Suzuki potesse portare ad un’attività in tali aree, non quando si usa il linguaggio, ma quando ci si impegna con la musica. Il nostro studio rivela che questo è effettivamente il caso“.

Per la loro indagine, il team ha arruolato 98 studenti giapponesi della scuola secondaria classificati in tre gruppi: Il gruppo S (Suzuki) è stato addestrato fin da giovane nel metodo Suzuki, il gruppo E (Early) è stato addestrato musicalmente fin da giovane ma non nel metodo Suzuki, e il gruppo L (Late) è stato addestrato musicalmente in un’età successiva, ma non nel metodo Suzuki, o non è stato addestrato musicalmente affatto.

Tutti gli studenti sono stati dunque sottoposti a scansione cerebrale mediante risonanza magnetica funzionale, che ha prodotto modelli 3D dinamici dell’attività del loro cervello. Durante questo periodo, è stato dato loro un esercizio musicale per identificare gli errori in un pezzo di musica suonato a loro. I pezzi musicali suonati avevano errori in una delle quattro condizioni musicali: tono, tempo, stress e articolazione.

Ebbene, durante gli esercizi, i gruppi S ed E hanno mostrato una maggiore attività cerebrale complessiva rispetto al gruppo L, soprattutto durante le condizioni di intonazione e articolazione. Inoltre, i gruppi S ed E hanno mostrato attività in regioni molto specifiche a seconda del tipo di errore da testare. È interessante notare – hanno sottolineato i ricercatori – che il gruppo S ha mostrato alcuni modelli unici di attivazione soprattutto nelle aree del cervello destro, associate all’emozione e alla melodia, durante la condizione di tempo, sostenendo le idee alla base del metodo Suzuki.

Un’osservazione sorprendente è stata che, indipendentemente dall’esperienza musicale, il centro grammaticale altamente specifico nel cervello sinistro è stato attivato durante la condizione di articolazione. Questa connessione tra musica e linguaggio potrebbe spiegare perché tutti possono godere della musica anche se non sono musicisti“, ha detto Sakai. “Altri ricercatori, forse quelli che studiano i tratti neurologici degli esperti di arte, potrebbero essere in grado di costruire su ciò che abbiamo scoperto. Per quanto ci riguarda, vogliamo approfondire la connessione tra musica e linguaggio progettando nuovi esperimenti per scoprire dettagli più sfuggenti”.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Ecco quali sono i 6 segni di un rapporto in deterioramento

La rottura di un rapporto avviene pian piano e non improvvisamente. Ma quando sovviene il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *