Home / Attualità / Ridurre l’uso dei social network conviene: l’incredibile risultato di uno studio APA

Ridurre l’uso dei social network conviene: l’incredibile risultato di uno studio APA

Secondo una recente ricerca pubblicata dall’American Psychological Association, gli adolescenti e i giovani adulti che hanno ridotto del 50% l’uso dei social media per poche settimane hanno visto un miglioramento significativo della percezione del proprio peso e del proprio aspetto generale rispetto ai coetanei che hanno mantenuto livelli costanti di utilizzo dei social media. Ma per quale motivo?

L’adolescenza è un periodo vulnerabile per lo sviluppo di problemi di immagine corporea, disturbi alimentari e malattie mentali”, ha dichiarato l’autore principale dello studio, Gary Goldfield, del Children’s Hospital of Eastern Ontario Research Institute. “I giovani passano in media da sei a otto ore al giorno davanti agli schermi, in gran parte sui social media. I social media possono esporre gli utenti a centinaia o addirittura migliaia di immagini e foto ogni giorno, comprese quelle di celebrità e modelli di moda o di fitness, il che, come sappiamo, porta a interiorizzare ideali di bellezza irraggiungibili per quasi tutti, con conseguente maggiore insoddisfazione per il peso e la forma del corpo”.

Tuttavia, secondo Goldfield, gran parte della ricerca psicologica sui social media, l’immagine corporea e la salute mentale è correlazionale, quindi non è certo se le persone con problemi di immagine corporea e salute mentale passino più tempo sui social media o se l’uso dei social media porti a maggiori problemi di immagine corporea e salute mentale.

Per comprendere meglio gli effetti causali della riduzione dell’uso dei social media sull’immagine corporea, Goldfield e i suoi colleghi hanno condotto uno studio pilota su 38 studenti universitari con elevati livelli di ansia e/o depressione.

Ad alcuni dei partecipanti è stato chiesto di limitare l’uso dei social media a non più di 60 minuti al giorno, mentre ad altri è stato consentito un accesso illimitato. Rispetto ai partecipanti che avevano accesso illimitato, quelli che hanno limitato il loro uso hanno mostrato miglioramenti nel modo in cui consideravano il loro aspetto generale (ma non il loro peso) dopo tre settimane. A causa delle ridotte dimensioni del campione, tuttavia, i ricercatori non hanno potuto condurre un’analisi significativa dell’effetto del genere.

Esperimento riduzione uso social network, percezione sulla percezione del peso

L’esperimento attuale, che ha coinvolto 220 studenti universitari di età compresa tra i 17 e i 25 anni (76% femmine, 23% maschi, 1% altri) e che è stato pubblicato sulla rivista Psychology of Popular Media, ha cercato di ampliare lo studio pilota e di risolvere la limitazione di genere. Per essere qualificati, i partecipanti dovevano essere utilizzatori abituali di social media (almeno due ore al giorno sui loro smartphone) e presentare sintomi di depressione o ansia.

Per la prima settimana dell’esperimento, tutti i partecipanti sono stati istruiti a utilizzare i social media come facevano normalmente. L’uso dei social media è stato misurato con un programma di monitoraggio del tempo trascorso sullo schermo, al quale i partecipanti hanno fornito uno screenshot giornaliero. Dopo la prima settimana, alla metà dei partecipanti è stato chiesto di ridurre l’uso dei social media a non più di 60 minuti al giorno. All’inizio dell’esperimento, i partecipanti hanno anche risposto a una serie di affermazioni sul loro aspetto generale (ad esempio, “Sono abbastanza contento del mio aspetto”) e sul loro peso (ad esempio, “Sono soddisfatto del mio peso”) su una scala a 5 punti, con 1 che indica “mai” e 5 “sempre”. I partecipanti hanno compilato un questionario simile alla fine dell’esperimento.

Nelle tre settimane successive, i partecipanti a cui è stato chiesto di limitare l’uso dei social media lo hanno ridotto di circa il 50%, con una media di 78 minuti al giorno, rispetto al gruppo di controllo, che aveva una media di 188 minuti di uso dei social media al giorno.

I partecipanti che hanno ridotto l’uso dei social media hanno registrato un miglioramento significativo nella considerazione del loro aspetto generale e del loro peso corporeo dopo le tre settimane di intervento, rispetto al gruppo di controllo, che non ha registrato cambiamenti significativi. Il genere non sembra fare alcuna differenza negli effetti.

Il nostro breve intervento di quattro settimane con l’uso di screen-time tracker ha dimostrato che la riduzione dell’uso dei social media ha prodotto miglioramenti significativi nell’aspetto e nella stima del peso in giovani afflitti da un uso massiccio dei social media“, ha detto Goldfield. “La riduzione dell’uso dei social media è un metodo fattibile per produrre un effetto positivo a breve termine sull’immagine corporea in una popolazione vulnerabile di utenti e dovrebbe essere valutata come potenziale componente del trattamento dei disturbi legati all’immagine corporea“.

Sebbene lo studio attuale sia stato condotto come prova di concetto, Goldfield e i suoi colleghi sono in procinto di condurre uno studio più ampio per vedere se la riduzione dell’uso dei social media può essere mantenuta per periodi più lunghi e se tale riduzione può portare a benefici psicologici ancora maggiori.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Il ruolo del cervello nel migliorare il sistema immunitario: ecco cosa dicono le recenti ricerche

Recenti studi condotti dai ricercatori dello Zuckerman Institute della Columbia University hanno rivelato che il ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *