Home / Attualità / Come riconoscere i segnali della depressione che vengono ignorati

Come riconoscere i segnali della depressione che vengono ignorati

Gi stereotipi spesso rovinano la nostra capacità di riconoscere i problemi. Molte persone hanno un’immagine mentale relativa alla depressione che non corrisponde alla realtà.

Pensare che tristezza, poca energia e comportamenti generalmente negativi siano i tratti delle persone depresse significa non riconoscere i veri segnali della depressione.

Le difficoltà di riconoscere la depressione

Quando riguarda noi stessi, tendiamo a essere molto bravi a ignorare ciò che sentiamo e spingerci avanti come se nulla fosse. Quasi tutte le persone che negli screening ottengono punteggi elevati sulla depressione affermano di non considerarsi depressi.

È sempre meglio aiutare qualcuno a riconoscere da solo la depressione, piuttosto che cercare di convincerlo con la nostra idea. Se una persona non riesce a vederlo, anche la prova più convincente non lo aiuterà a cambiare idea. La chiave per aiutare le altre persone è condividere informazioni.

Un approccio non giudicante è necessario per creare fiducia con la persona che vogliamo aiutare.

6 segnali di depressione da non ignorare

Ecco 6 segnali della depressione che non vengono riconosciuti da cui è difficile sfuggire.

  1. Sentirsi disconnessi da ciò che è importante. Avere persone, idee e attività che arricchiscono la nostra vita, ma fare fatica a concentrarci su di esse. Perdere di vista i propri valori, il senso e la direzione nella vita è angosciante. Concentrarsi sull’angoscia rende difficile concentrarsi su tutto ciò che è importante.
  2. Sentire un divario tra ciò che vogliamo e ciò che abbiamo, o tra chi siamo e chi vorremmo essere. Non c’è niente di sbagliato in questo, anzi di solito aiuta a crescere e cambiare. Ma se diventa angosciante la nostra mente può farci sentire bloccati, convincerci che la vita non cambierà e che le barriere che affrontiamo sono tutta colpa nostra.
  3. Trattare sempre pensieri, sentimenti e sensazioni fisiche come veri, validi e importanti. Quando proviamo angoscia, la nostra mente cercherà di spiegarci cosa sta succedendo. Troppo spesso chi soffre di depressione ha difficoltà a mettere in dubbio le conclusioni della propria mente.
  4. Evitare e controllare la propria angoscia. Volendo evitare di provare angoscia, chi soffre di depressione trova il proprio metodo, tra cui:
  • Litigare con la propria mente cercando di imporre un pensiero positivo.
  • Distrarsi con intrattenimento e attività insensate; calmarsi con sostanze come cibo, alcol, droghe, farmaci o tabacco.
  • Rinunciare a fare cose e andare nei posti.
  1. Essere bloccati nel “ciclo di lotta”, cercando sollievo a breve termine solo per sentirsi peggio una volta che il sollievo è passato. Appena lo stato positivo causato dalle strategie di evitamento e controllo svanisce, la persona torna a sentirsi infelice e con nuovi problemi.

Di solito ciò che si fa per evitare l’angoscia alla lunga peggiora la vita. Costa tempo, denaro e salute. E alla fine anche le relazioni.

  1. Credere di doversi liberare dell’angoscia prima di andare avanti. Pensare che la felicità sia uno stato di vita normale e continuo, e che qualcosa non va se non siamo felici. Inoltre, pensare di doversi sbarazzare dei pensieri e i sentimenti negativi prima di andare avanti. Questo è il ciclo di lotta che non fa che peggiorare le cose.

Spesso le persone che soffrono di depressione non sembrano tristi, non stanno tutto il giorno a parlare in modo negativo e pessimista. Sono anche persone laboriose che possono occuparsi di mille cose e fare i mestieri più disparati.

Tuttavia, di fronte alla realtà del “ciclo di lotta”, queste stesse persone riconosceranno di essere bloccate sulla ruota della depressione e di aver bisogno di scendere.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Quanto lo stress in gravidanza incide sul QI del bambino? Lo rivela una ricerca.

L’esposizione prenatale agli ormoni dello stress, come il cortisolo e il cortisone, svolge un ruolo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *