Home / Psicologia / Cistite psicosomatica di cosa si tratta

Cistite psicosomatica di cosa si tratta

La cistite è un’infiammazione della mucosa della vescica urinaria ed è una patologia abbastanza diffusa nel mondo femminile. Si può manifestare anche con una certa frequenza e può essere piuttosto disagevole creando anche dolore quando si urina con forte bruciore e perdite di sangue nelle urine stesse.

Questa infezione batterica è causata principalmente da germi che colonizzano l’ultimo tratto del nostro intestino, in particolare l’Escherichia Coli, l’Enterococcus, Proteus, raggiungendo la vescica dall’esterno e risalendo successivamente all’uretra.

A volte si può parlare anche di cistite psicosomatica che secondo la Medicina psicosomatica, indica disagi psico-emozionali.

Motivazioni della Cistite Psicosomatica

La cistite secondo la psicosomatica rappresenta un vero e proprio conflitto interiore in cui la persona ha la necessità al controllo ma vorrebbe abbandonarsi e sapersi rilassare lasciando andare.

L’incapacità di rilassarsi si esprime con ansia, delusione, frustrazione e anche rabbia, la persona si auto punisce inconsciamente.

Il conflitto interiore che si crea, se si verifica in un momento particolare della vita come un periodo di forte stress, debilita la zona vescicale, predisponendo così, un’ambiente agevole per agenti patogeni, come batteri, virus, funghi…

Spesso chi soffre di cistite ha un disagio emotivo a relazionarsi anche con gli altri e a volte anche disagio a livello sessuale, inoltre trattiene le lacrime che sono un’espressione indispensabile per liberarsi di angoscia e rinnovarsi.

La cistite psicosomatica può essere affrontata con rimedi naturali e alternativi, ma prima di tutto va abbassato il livello di stress, cercare di condurre una vita equilibrata e adottare un regime alimentare sano. Affrontare di petto il disagio che si è creato e cercare di risolverlo nel miglior modo possibile.

Rimedi Naturali  e Alternativi

Accertato che la cistite è solo di tipi psicosomatico si può intervenire con metodi alternativi e con rimedi naturali fra cui i più conosciuti ed efficaci sembrano essere:

  • riflessologia plantare una tecnica antica che viene effettuata attraverso la stimolazione e compressione di specifici punti di riflesso dei piedi, utile a ristabilire l’equilibrio del corpo;
  • infusi da bere due o tre volte al giorno con uva ursina, ortica, malva, calendula, mirtillo rosso;
  • estratto di semi di pompelmo da assumere 2 o 3 volte al giorno sino a un massimo di 15 gocce;
  • succo di cranberry.

I rimedi sopra citati possono essere utili anche come sostegno alla terapia medica, qualora la cistite sia dovuta ad un batterio.

 

Vedi Anche

Drunkorexia: sintomi e conseguenze

La drunkorexia sembra essere la malattia del nuovo secolo, termine coniato nel 2008 dai media popolari ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *