Home / Attualità / Coma aiutare i bambini a superare le nuove e complesse sfide della modernità

Coma aiutare i bambini a superare le nuove e complesse sfide della modernità

Nell’odierna società, i bambini affrontano una serie di sfide uniche che possono ostacolare la loro crescita e sviluppo. Come adulti premurosi, è essenziale riconoscere queste difficoltà e adottare misure per mitigare gli effetti negativi della cultura moderna sui più giovani. Troppo spesso, gli adulti si concentrano più sulla protezione che sulla preparazione dei bambini alla vita, il che può portare a una serie di problemi paralizzanti. Analizziamo alcune delle principali problematiche che i bambini di oggi devono affrontare e discutiamo su come possiamo aiutarli a superarle.

La doppia faccia della protezione e della preparazione

Gli adulti hanno il compito fondamentale di guidare i bambini verso la maturità. Tuttavia, in molti casi, l’attenzione eccessiva alla protezione può impedire ai bambini di sviluppare le competenze necessarie per affrontare le sfide della vita. Recentemente, parlando con un gruppo di genitori, ho riscontrato un comune denominatore nelle loro preoccupazioni: molti bambini e adolescenti necessitano di maggiore attenzione per completare i compiti, sono facilmente turbati dalle difficoltà quotidiane, esitano ad accettare nuovi progetti o opportunità e faticano ad adattarsi alle nuove situazioni.

Questo modello si riscontra frequentemente tra educatori, allenatori e datori di lavoro, segnalando una tendenza preoccupante. Invece di una maturazione olistica, assistiamo a una crescita più frammentata, con adolescenti che prolungano la loro adolescenza e ritardano l’assunzione di responsabilità adulte. Ad esempio, molti giovani mostrano meno interesse a ottenere la patente di guida appena raggiungono l’età minima, ritardano l’uscita dalla casa dei genitori e rimandano le responsabilità tipiche dell’età adulta.

L’esposizione è aumentata, l’esperienza è in calo

Oggi, i bambini sono esposti alle informazioni molto prima rispetto alle generazioni passate, grazie ai dispositivi portatili. Circa il 90% dei bambini in età prescolare utilizza un tablet già all’età di quattro anni. Tuttavia, questa esposizione precoce non si traduce necessariamente in un’esperienza di vita reale. I genitori, preoccupati per la sicurezza, spesso limitano le opportunità di esplorazione autonoma dei bambini per timore di pericoli come rapimenti, incidenti o contenziosi legali. Sebbene queste preoccupazioni siano comprensibili, i dati mostrano che il nostro mondo è più sicuro oggi rispetto a qualche decennio fa.

La leadership basata sulla paura ha portato a una riduzione dei comportamenti tradizionali di assunzione di rischi, fondamentali per la crescita e lo sviluppo. Esperienze indipendenti, come esplorare un parco comunitario o andare in bicicletta fuori dal quartiere, sono essenziali per lo sviluppo delle capacità motorie e della corteccia prefrontale. Queste esperienze promuovono una maturazione reale, mentre la loro mancanza porta a una “maturità artificiale” che è solo cognitiva e non olistica.

Cosa possiamo fare? È fondamentale creare un piano che permetta ai bambini di provare nuove esperienze, anche se imprevedibili o non garantite. Queste attività dovrebbero essere adatte all’età e progettate per espandere la loro prospettiva e maturarli socialmente ed emotivamente. Alla fine, queste esperienze dovrebbero essere vissute senza supervisione. Ad esempio, arrampicarsi in una palestra della giungla a cinque anni, andare in bicicletta in posti sconosciuti a otto, provare un lavoro a dodici anni e guidare un’auto non appena sarà legale. Questo aiuta a combattere non solo la FOMO (paura di perdersi qualcosa) ma anche la FOMU (paura di sbagliare). Incoraggiare i bambini a tentare esperienze nuove e spaventose, dimostrare che il fallimento non è fatale e insegnare loro che possono crescere nel processo è fondamentale per prepararli alla giovane età adulta.

La stimolazione è aumentata, il pensiero critico è in calo

Viviamo in un’epoca di costante stimolazione. I nostri smartphone ci bombardano con notifiche, messaggi di testo, avvisi e pop-up, rendendoci la generazione più stimolata della storia. Tuttavia, questa costante stimolazione può avere un effetto negativo sul pensiero critico. Invece di fermarci e riflettere, tendiamo a reagire automaticamente agli stimoli esterni, spesso senza prendere il tempo per analizzare o valutare le informazioni che riceviamo.

Secondo un rapporto di Rachel Quigley sul Daily Mail, il 70% degli americani non pensa con la propria testa e una quantità equivalente non conosce i fatti basilari del proprio paese. Questa dipendenza dagli stimoli esterni impedisce alle persone di sviluppare il proprio pensiero critico, rendendole più suscettibili all’influenza di spot pubblicitari, pop-up e altri messaggi commerciali. Questo stato di esaurimento mentale porta le persone a cercare conferme e indicazioni dagli altri su cosa comprare, dove viaggiare, chi conoscere e così via, trasformandole in imitatori piuttosto che in creatori.

Cosa possiamo fare? È importante pianificare momenti di pausa e riflessione nei calendari dei nostri figli. Eliminare un po’ di rumore e disordine dalle loro giornate può aiutare a salvaguardare il loro benessere mentale. Inoltre, è utile discutere insieme degli input che ricevono regolarmente, come film, libri, conversazioni e notizie. Insegnare ai bambini a pensare criticamente significa incoraggiarli a comunicare il loro ragionamento e a formare le proprie opinioni indipendentemente dagli altri. Questo processo di riflessione critica li aiuterà a sviluppare un senso di identità e fiducia nelle proprie capacità.

Le realtà paralizzanti che i bambini di oggi devono affrontare richiedono una leadership adulta premurosa e proattiva. Proteggere i bambini è importante, ma è altrettanto cruciale prepararli alla vita reale attraverso esperienze autonome e l’incoraggiamento al pensiero critico. Solo così possiamo garantire che crescano come individui completi, capaci di affrontare le sfide del mondo moderno con resilienza e intelligenza.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Quanto lo stress in gravidanza incide sul QI del bambino? Lo rivela una ricerca.

L’esposizione prenatale agli ormoni dello stress, come il cortisolo e il cortisone, svolge un ruolo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *