Home / Attualità / Come capire quando auto-perdonarsi e quali sono i momenti in cui non c’è bisogno di farlo

Come capire quando auto-perdonarsi e quali sono i momenti in cui non c’è bisogno di farlo

Man mano che l’idea del perdono cresce in popolarità, cresce anche l’idea di perdonare se stessi. Questa pratica, per quanto possa apparire semplice e diretta, porta con sé molte sfumature e potenziali controversie. Questo saggio si propone di offrire una guida sull’auto-perdono, suggerendo quando è opportuno e quando invece potrebbe non esserlo.

Cos’è il perdono di sé?

Il perdono di sé è un gesto profondo di comprensione e accettazione. Quando perdoni te stesso, ti riconnetti con la comunità umana, riconoscendo che hai commesso un errore ma accettando che questo non definisce chi sei come persona. L’auto-perdono mira a eliminare il risentimento verso se stessi, offrendo rispetto e amore incondizionato. Se le tue azioni hanno causato sofferenza ad altri, cercare il loro perdono è una mossa associata, ma distinta, dall’auto-perdono.

Prima del perdono di sé

Il concetto di auto-perdono può essere problematico per alcuni, e vale la pena esplorare alcune delle principali controversie:

Controversia 1: L’auto-perdono è considerato da alcuni come un ossimoro, poiché la stessa persona non può agire sia come giudice che come imputato. Tuttavia, questa visione può essere limitante. L’auto-perdono non si svolge in un contesto giuridico ma piuttosto in uno spazio emotivo e mentale, permettendo un’autentica autovalutazione.

Controversia 2: Si potrebbe sostenere che una persona non possa avere una chiara prospettiva sulle riparazioni necessarie. Tuttavia, lo stesso può valere anche quando perdoniamo gli altri. L’importante è riconoscere il dolore e cercare di affrontarlo.

Da dove dovrei iniziare nell’auto-perdono? 

Iniziare il percorso dell’auto-perdono può sembrare una montagna insormontabile per molti, data la nostra tendenza a essere particolarmente critici con noi stessi. A volte, questo cammino inizia con una presa di coscienza delle proprie imperfezioni e della propria umanità. Comprendere che ogni individuo commette errori e che queste sviste non sono rappresentative dell’intero valore di una persona può essere il primo passo.

Molti esperti suggeriscono di iniziare il viaggio dell’auto-perdono perdonando prima gli altri. Il motivo dietro a questo consiglio risiede nel fatto che, spesso, tendiamo a mostrare maggiore empatia e comprensione verso gli altri rispetto a noi stessi. Iniziando con il perdonare gli altri, possiamo gradualmente imparare a estendere quella stessa compassione e gentilezza verso noi stessi.

Esercitati perdonando piccole offese, impara a vedere la situazione dal punto di vista dell’altro e cerca di comprendere le motivazioni dietro alle loro azioni. Questo tipo di empatia e comprensione può fungere da ponte per applicare un approccio simile quando si tratta delle tue azioni. Ricordati, però, che perdonare non significa dimenticare o giustificare comportamenti dannosi, sia da parte tua che da parte degli altri.

Inoltre, affrontare e accettare le proprie emozioni è fondamentale. Se ti trovi a lottare con sentimenti di vergogna, colpa o rimorso, è essenziale riconoscerli, accettarli e quindi lavorare attraverso di essi. Puoi anche considerare di parlare con un professionista o un consulente che può fornire una prospettiva esterna e strumenti utili per guidarti in questo delicato viaggio.

Una volta che hai una buona comprensione del processo di perdonare gli altri e ti senti a tuo agio con esso, puoi gradualmente iniziare a rivolgere quella stessa pratica di perdono verso te stesso. Questo può includere riflessioni giornaliere, meditazione o qualsiasi altra pratica che ti aiuti a collegarti con te stesso in un modo amorevole e comprensivo. Con il tempo e la pratica, l’auto-perdono può diventare una parte naturale e sana del tuo percorso di crescita personale.

Quando è ragionevole perdonarsi?

L’auto-perdono diventa pertinente quando riconosciamo genuinamente di aver commesso un errore e sentiamo risentimento verso noi stessi. Non è una scappatoia o un mezzo per evitare la responsabilità, ma piuttosto un modo per accettare, imparare e crescere.

Quando è importante non perdonarsi?

Ci sono momenti in cui potremmo sentire pressioni esterne per perdonarci, anche se non riteniamo di aver fatto nulla di sbagliato. In questi casi, l’auto-perdono potrebbe non essere appropriato. È fondamentale discernere tra una vera trasgressione e le aspettative irrealistiche o le false accuse degli altri.

L’auto-perdono è un atto di equilibrio, che richiede un’attenta introspezione e una sincera valutazione. Non dovrebbe essere usato come uno strumento per placare gli altri, ma come un modo per ritrovare la pace interiore, l’accettazione e l’amore per se stessi. Ricorda che l’auto-perdono, quando praticato con consapevolezza, può essere un potente catalizzatore di crescita e guarigione.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Lo stress è contagioso?

Provate a pensarci: quando osservate una persona stressata, a volte iniziate a sentirvi stressati anche ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *