Home / Attualità / Come comportarsi con un partner che si concentra solo sui tuoi difetti

Come comportarsi con un partner che si concentra solo sui tuoi difetti

L’esistenza di una stretta relazione tra due partner di solito li porta a diventare piuttosto insensibili ai difetti delle persone che amano. Questo alone di buoni sentimenti fa sì che, anche se c’è oggettivamente qualcosa che non va in un partner, la persona amata probabilmente lo trascurerà. Può capitare che qualche debolezza faccia capolino, ma di solito si tratta di un problema circoscritto che non rischia di distruggere la qualità della relazione.

A volte capita esattamente il contrario, con un partner che mostra un comportamento eccessivamente critico. A volte queste critiche sono limitate ad alcuni aspetti della vita quotidiana (si pensi alla cucina), mentre altre volte le critiche da parte del partner possono essere molto più profonde: dai commenti sprezzanti sul proprio aspetto alle domande sull’intelligenza.

La ricerca di difetti come qualità della relazione Disturbo Ossessivo-Compulsivo

Secondo un nuovo studio condotto dallo psicologo dell’Istituto di Psicologia Comportamentale e Cognitiva e Psicoterapia di Firenze (IPSICO) Gabriele Melli e colleghi, esiste una sindrome correlata al disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) nota come DOC relazionale (ROCD). Questa forma di disturbo ossessivo compulsivo comprende “ossessioni e compulsioni incentrate sulle relazioni interpersonali strette”. Una dimensione del disturbo ossessivo compulsivo riguarda i dubbi sulla “correttezza” della relazione e sui sentimenti del partner nei confronti dell’individuo. La seconda si basa sulla percezione che il partner abbia un’ampia varietà di difetti.

In particolare, Melli e collaboratori ritengono che il P-ROCD si sviluppi come risultato di un profondo senso di vulnerabilità e del bisogno di essere visti con un partner che soddisfi standard irrealistici di perfezione. Questi individui, in altre parole, hanno bisogno di avere un partner di alto valore per rafforzare la propria autostima.

Esplorare le radici del P-ROCD

Da dove deriva questo estremo senso di vulnerabilità e bisogno di perfezione nel partner? Se pensi di avere un partner che si concentra solo sui tuoi difetti, cosa potrebbe spingere questo comportamento?

Il team di ricerca ritiene che il narcisismo vulnerabile, l’estremo senso di insicurezza associato a un’elevata critica del partner, sia la forza trainante. Le persone insicure della propria autostima hanno bisogno del partner come sostegno per sentirsi meglio con se stesse. Potrebbe essere questa debolezza che percepisci in un partner eccessivamente critico a tenerti legato a lui, in quanto riconosci le sue vulnerabilità.

Per verificare il ruolo del narcisismo vulnerabile come istigatore dell’autocritica estrema del partner, Melli e i collaboratori hanno identificato un campione di 310 adulti (75% donne; 18-59 anni; età media 28 anni) i cui sintomi corrispondevano al sottotipo ROCD di OCD. Hanno dunque completato le misure del P-ROCD insieme a questionari volti a individuare i potenziali precursori di questa sindrome.

A margine delle analisi, gli autori hanno stabilito un percorso che porta dal narcisismo vulnerabile all’autostima condizionata dal valore del partner e infine ai punteggi del P-ROCD. Data l’angoscia personale associata al narcisismo vulnerabile, i risultati supportano l’interpretazione secondo cui “i narcisisti vulnerabili sembravano mostrare alti livelli di angoscia interpersonale, sensibilità emotiva ed estrema dipendenza dal partner per modulare l’autostima”… Questo, a sua volta, aumenterebbe la probabilità che tali caratteristiche vengano valutate in modo catastrofico, portando a un’escalation di preoccupazioni ossessive”.

I risultati fanno luce sulle dinamiche interiori che potrebbero spingere le persone a scavare costantemente nelle debolezze del partner. Quando i partner hanno bisogno che i loro cari siano impeccabili, è possibile che lo facciano a causa di una profonda sensazione di essere loro stessi imperfetti. Piuttosto che vedersi così perfetti da aver bisogno che anche il partner lo sia, è vero il contrario.

Tutto ciò porta a chiedersi perché le persone i cui partner sono spinti da questo bisogno vogliano rimanere nella loro relazione. Tuttavia, le stesse qualità che portano a criticare eccessivamente il partner potrebbero in qualche modo costituire il collante che tiene unita la relazione. Avvertendo i sentimenti di debolezza interiore del tuo partner, forse senti che ha bisogno che tu sia presente per lui.

Tuttavia, questo comportamento potenzialmente distruttivo non deve continuare. Come sottolineano Melli e i collaboratori, gli interventi cognitivo-comportamentali potrebbero rivelarsi utili per ridurre l’autostima contingente del partner. Se vedi il comportamento del tuo partner come una richiesta di aiuto, potresti essere in grado di guidarlo nella direzione di trovare sollievo dalle sue preoccupazioni interiori.

Però, se non hai una diagnosi di ROCD, il tuo partner potrebbe semplicemente avere dubbi su se stesso e sentimenti di debolezza che si manifestano sotto forma di commenti critici su qualche aspetto del tuo aspetto, del tuo comportamento o delle tue capacità. Piuttosto che accettarli o passare oltre, prendi in considerazione l’idea di parlare della loro natura offensiva con il tuo partner per discuterne l’origine. È possibile che, così facendo, il tuo partner sia disposto a condividere alcune delle sue insicurezze. Puoi anche condividere con lui i tuoi sentimenti su quanto questi commenti erodano il tuo benessere.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come curare la propria relazione con l’arte giapponese del Kintsugi

Il Kintsugi, una venerabile arte giapponese che significa “riparazione dorata”, offre un’affascinante metafora per la ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *