Home / Attualità / Come uscire dal tunnel della disperazione quando si è a pezzi

Come uscire dal tunnel della disperazione quando si è a pezzi

A tutti capita di sentirsi depressi e inadeguati, ma molte volte succede che la situazione diventi completamente ingestibile e non si riesca a trovare una soluzione valida per uscire da questo tunnel buio ed oscuro che impedisce lo svolgimento di una vita normale.

Scopriamo insieme quali strategia attuare per abbattere e sconfiggere definitivamente la disperazione.

Quali sono i motivi che fanno cadere una persona nella disperazione?

Spesso lo stress ed una vita senza stimoli che non riesce ad appagare completamente chi la vive possono far cadere una persona nel tunnel della disperazione, innescando nel soggetto colpito da questi sentimenti l’idea che nulla potrà mai migliorare e che niente o nessuno potrà mai aiutarli.

Chi vive questi periodi non solo si sente estremamente depresso, ma nella maggior parte dei casi non fa nulla per possa migliorare le cose, abbattendosi ancora di più. Per sbloccare questa situazione devi essere predisposto al cambiamento e capire che affinché le cose migliorino devi essere tu ad agire in prima persona, e attuare tutto ciò che è in tuo potere per dare una svolta alla tua vita.

Esistono degli obiettivi per i quali vale la pena di lottare?

Nonostante tu veda tutto nero e sia convinto che il destino non sarà dei migliori, esisteranno sicuramente degli obiettivi per cui lottare e grazie ai quali potrai trovare nuovamente la serenità.

Devi concentrarti sulle cose che puoi conquistare e dimenticare tutto ciò che non puoi ottenere, in quanto solo così riuscirai finalmente a voltare pagina e a migliorare il tuo umore e le tue giornate.

Cerca di dedicarti alle cose che ami, alle tue passioni e a i tuoi hobby in maniera tale da distrarti e vedere solo il bello che ti circonda.

Alcuni traguardi saranno più facili da raggiungere, anche se magari meno importanti, ma tutto servirà a farti acquisire sicurezza e autostima.

Come sei arrivato alla conclusione di essere senza speranza?

Anche se a livello inconscio, si sarà verificato un momento durante il quale la tua mente ha deciso che una determinata cosa sarebbe stata senza speranza.

Un esempio basilare consiste nel pensare alla fine di un amore, che spesso vede una delle due parti più ferita e che spesso a causa di ciò si sente incapace di essere nuovamente felice e di poter viver ancora una volta delle sensazioni così coinvolgenti.

Pensando in negativo non si fa altro che autoconvincersi delle proprie affermazioni e così si sarà più predisposti a rendere veritiere le proprie convinzioni.

Prendi consapevolezza della situazione che stai vivendo

Riconoscere di avere un problema è il primo passo per raggiungere la soluzione.

Questa frase fatta che tutti abbiamo sentito almeno una volta nella vita è invece molto vera, poiché prendendo consapevolezza dei propri limiti non si può far altro che esaminare in maniera lucida la situazione e cercare di porvi rimedio.

Spesso si è disperati quando si pensa al proprio futuro, ma raggiungere la consapevolezza dei fatti può migliorare la vita nel presente.

A questo proposito puoi mettere in atto degli esercizi focalizzati sulla respirazione o sulla concentrazione, in modo da proiettare i tuoi pensieri ossessivi su fini creativi.

Contrasta la tua disperazione e pensa che nulla potrai mai fermare la tua felicità

Per ribaltare la situazione e riprendere in mano il controllo della tua vita devi contrastare la disperazione, mettendo in atto ogni comportamento utile a stroncarla.

Nonostante tu sia reduce da emozioni e   momenti negativi caratterizzati da delusioni e da punti di non ritorno, non esiste vita che non sia degna di essere vissuta.

Devi cercare di trovare un appiglio che ti consenta di mantenere alto l’umore e ti sproni a fare meglio per farti raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato nella tua esistenza.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

È possibile evitare che le emozioni controllino la propria vita?

Scopriamo insieme quali passi compiere per far sì che le emozioni non arrivino a controllare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *