Home / Psicologia / Disturbi cutanei visione psicosomatica

Disturbi cutanei visione psicosomatica

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo e le sue funzioni sono di difesa, assorbimento, termoregolazione, escrezione e secrezione, percezione.

Le problematiche della pelle rappresentano la via con cui il nostro corpo espelle le sostanze nocive. Spesso dietro ad una manifestazione fisica, ci sono esigenze e turbamenti di tipo psico-emotivo.

Attraverso la pelle esprimiamo noi stessi e le nostre emozioni. Cambiamenti, anche lievi, come il rossore, il pallore e la sudorazione esprimono i nostri stati d’animo, le nostre sensazioni, i nostri disagi. La pelle rappresenta quindi un organo di comunicazione non verbale e non deve stupirci se la manifestazione di un disturbo cutaneo è spesso l’ultima espressione di un disagio interiore non espresso e portato dentro per un lungo periodo.

Capire la patologia cutanea a livello simbolico aiuta ad affrontare il disagio interiore che può aver contribuito a crearla insieme a fattori di tipo genetico e alimentare.

Alcuni disturbi più frequenti visti in chiave psicosomatica

Acne

E’ una dermatosi provocata dall’infiammazione dei follicoli piliferi e delle ghiandole sebacee. Le cause principali di questo problema sono generalmente ormonali e alimentari. Dal punto di vista della psicosomatica all’origine di questa infiammazione vi è spesso la sensazione di non essere accettati dagli altri che inevitabilmente porta a non accettare se stessi. L’acne è  un disturbo delle persone che non hanno autostima, la maschera acneica nasconde le emozioni di chi non sa esprimerle, di chi è compresso e non riesce ad esprimere se stesso.

L’acne è spesso una manifestazione dell’età dell’adolescenza anche se si manifesta in età adulta.

Dermatiti

Le dermatiti sono stati infiammatori cutanei di vario genere e possono avere cause e sviluppi molto differenti. La dermatite ha generalmente a che fare con i problemi di “contatto”. Solitamente insorge nelle persone con difficoltà a farsi toccare, problemi sessuali, persone ossessionate dall’igiene che si lavano di continuo.

La persona che manifesta una dermatite, potrebbe essere stata respinta, abbandonata o sentirsi incompresa, sottovalutata. Nei bambini può manifestarsi una dermatite quando l’ambiente familiare non da sicurezza, quando ci sono frequenti litigi, quando i genitori si separano o si mantengono “a distanza” non dando la giusta importanza al contatto e alle manifestazioni d’affetto.

Psoriasi

La psoriasi è caratterizzata da chiazze eritematose ricoperte di squame secche a volte associate a prurito e bruciore. E’ uno stato infiammatorio della cute, generalmente cronico e recidivante,.

Generalmente si manifesta su gomiti, mani, ginocchia e cuoi capelluto anche se può interessare tutto il corpo.

Chi soffre di questa manifestazione cutanea dal punto di vista psicosomatico sente il desiderio di cambiare perchè non si sente a proprio agio nella vita che sta vivendo, è una sorta di corazza per proteggersi dall’esterno. Inoltre la psoriasi rappresenta anche un conflitto nella persona stessa che non riesce a lasciare andare la propria rabbia e invece contenerla perché ritenuta uno stato da controllare e non esprimere. Le persone che soffrono di psoriasi sono spesso persone molto controllate, irreprensibili.

Orticaria

L’orticaria è un’eruzione cutanea caratterizzata dalla comparsa improvvisa di pomfi rilevati, pallidi, rosati e molto pruriginosi. Oltre a presentarsi dopo contatto con sostanze o piante irritanti, dal punto di vista psicosomatico è anche una manifestazione da stress che si sviluppa per cause legate ad una base iperemotivo-ansiosa.

Questo tipo di orticaria è detta psicogena e si presenta come uno sfogo rosso pruriginoso. Questa può essere legata a rabbia repressa.

Vedi Anche

Drunkorexia: sintomi e conseguenze

La drunkorexia sembra essere la malattia del nuovo secolo, termine coniato nel 2008 dai media popolari ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *