Home / Psicologia / È reale quel che vediamo?
È reale quel che vediamo
È reale quel che vediamo

È reale quel che vediamo?

È reale quel che vediamo?

Capita, a volte, che taluni individui vivano esperienze particolari, durante le quali si sentono distaccati dal proprio corpo o dai propri processi mentali, sentendosi come in un sogno.

Si parla, in questo caso di, “depersonalizzazione”, riferendosi all’esperienza di irrealtà del Sé.

A questa sensazione, si unisce, spesso, la “derealizzazione”, in cui l’esperienza di irrealtà è riferita all’ambiente esterno: una sorta di alterazione della percezione del mondo esterno tale per cui esso appare strano o irreale e dove le persone tendono ad apparire non familiari.

Il termine depersonalizzazione fu coniato verso la fine del 1800 da H. Amiel, uno scrittore e filosofo svizzero, che soffriva di tale patologia, ma la causa esatta della sindrome è tuttora sconosciuta.

Da un punto di vista evoluzionistico, la il meccanismo è una risposta cerebrale a condizioni minacciose per la vita: un meccanismo adattivo innato del cervello che aumenta le possibilità di sopravvivenza in caso di pericolo improvviso.

In pratica, l’inibizione emotiva e l’allerta vigilante risponderebbero a situazioni minacciose dove l’individuo non ha pieno controllo sull’ambiente: l’inibizione di risposte emotive non funzionali e l’incremento dell’attenzione vigilante, permetterebbe un esame accurato, multisensoriale e simultaneo di informazioni rilevanti.

Tuttavia, quando la condizione si presenta in situazioni in cui non c’è un pericolo reale, il tutto provoca un’esperienza soggettiva davvero molto particolare: improvvisa assenza di sentimenti ed emozioni, in cui le cose appaiono prive di emotività ma dotate di definizione sensoriale, ridotta consapevolezza del corpo, attenuazione dell’esperienza del dolore e sensazione di pensieri vuoti.

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

ipersessualità

Cos’è l’ipersessualità?

Cos’è l’ipersessualità? No, non è quello che stai pensando! Cos’è? Allora, la dipendenza dal sesso, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *