Home / Attualità / Gaslighting Genitoriale: una minaccia invisibile all’identità dei bambini

Gaslighting Genitoriale: una minaccia invisibile all’identità dei bambini

Il gaslighting, una forma di manipolazione psicologica che induce il dubbio sulla propria percezione della realtà, è un fenomeno preoccupante che si verifica in vari contesti, inclusi quelli familiari. Tra le relazioni più delicate e influenti in cui il gaslighting può manifestarsi, vi è quella tra genitori e figli. La pratica dei genitori che esercitano il gaslighting sui propri figli, pur non essendo sempre intenzionale o consapevole, può avere effetti devastanti sullo sviluppo emotivo e psicologico dei bambini.

Come funziona il fenomeno del gaslighting parentale?

Il fenomeno del gaslighting parentale prende forma quando i genitori, incapaci o non disposti a offrire la rassicurazione necessaria ai propri figli per fronteggiare emozioni difficili, optano per risposte evasive, bugie o mezze verità. Anche se spesso le intenzioni dei genitori non sono maliziose, i messaggi trasmessi possono minare profondamente l’auto-percezione del bambino e il suo sviluppo del senso di sé. Questo tipo di comportamento si colloca nell’ambito dell’abuso emotivo a causa della sua mancanza di empatia, sensibilità e compassione.

Non riconoscere o confermare la realtà del bambino, distinta da quella dei genitori, equivale a un tentativo inconscio di dominare i pensieri e le emozioni del minore. Questa negazione dell’esperienza del bambino, carica di percezioni, credenze e dubbi, può avere effetti profondamente invalidanti. Data la loro intrinseca dipendenza dai genitori, i bambini sono particolarmente vulnerabili al gaslighting. Senza un ben consolidato senso di identità, i bambini possono sentirsi costretti a negare o distorcere la propria realtà per allinearla a quella imposta dai genitori.

Le conseguenze di tale manipolazione includono lo sviluppo di sfiducia in sé stessi e negli altri, difficoltà relazionali, la tendenza a scusarsi inappropriatamente, scarsa fiducia nelle proprie convinzioni, l’abbandono dell’intuito e un persistente senso di errore. Questi effetti possono portare i bambini a mettere continuamente alla prova se stessi e gli altri, cercando di fornire prove inconfutabili per giustificare il proprio punto di vista e a sentirsi regolarmente incompresi e isolati.

L’importanza di avere un atteggiamento empatico e consapevole

Di fronte a questo scenario, è fondamentale che gli adulti, specialmente i genitori, si interroghino sul proprio comportamento comunicativo con i figli. Occorre riflettere sull’importanza di ascoltare attivamente e rispettosamente i propri figli, riconoscendo il valore delle loro esperienze e delle loro emozioni. Rispondere con impazienza o minimizzare le loro preoccupazioni può avere ripercussioni negative a lungo termine.

Un atteggiamento empatico e consapevole da parte dei genitori è cruciale per mitigare e prevenire gli effetti del gaslighting. È importante creare un ambiente familiare in cui i bambini si sentano ascoltati, compresi e validati nelle loro esperienze. Solo così è possibile costruire una relazione basata sul rispetto reciproco e sull’affermazione della realtà individuale di ciascuno, promuovendo un sano sviluppo emotivo e psicologico dei bambini.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

film psicologici

Film psicologici: 10 titoli che non potete perdere!

Quello dei film psicologici è un vero e proprio filone narrativo che ogni anno attira ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *