Home / Attualità / Il cervello delle donne in menopausa cambia più di quanto previsto

Il cervello delle donne in menopausa cambia più di quanto previsto

Le donne in menopausa presentano una maggiore quantità di un biomarcatore cerebrale chiamato iperintensità della materia bianca rispetto alle donne in premenopausa o agli uomini della stessa età, stando a quanto afferma un nuovo studio pubblicato nel numero online del 29 giugno 2022 di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Le iperintensità della materia bianca sono piccole lesioni visibili sulle scansioni cerebrali che diventano più comuni con l’età o con l’ipertensione arteriosa non controllata. Questi biomarcatori cerebrali sono stati collegati in alcuni studi a un aumento del rischio di ictus, malattia di Alzheimer e declino cognitivo.

Le iperintensità della materia bianca aumentano con l’invecchiamento del cervello e, sebbene la loro presenza non significhi che una persona svilupperà la demenza o avrà un ictus, una quantità maggiore può aumentare il rischio“, ha dichiarato l’autrice dello studio Monique M. B. Breteler, MD, PhD, del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (DZNE), a Bonn, in Germania, e membro dell’American Academy of Neurology.

Il nostro studio ha esaminato il ruolo che la menopausa può avere sulle quantità di questi biomarcatori cerebrali. I nostri risultati implicano che le iperintensità della materia bianca si evolvono in modo diverso per uomini e donne, dove la menopausa o i fattori che determinano quando inizia la menopausa, come le variazioni nel processo di invecchiamento, sono fattori determinanti“.

Tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a risonanza magnetica cerebrale. I ricercatori hanno esaminato le scansioni e calcolato la quantità di iperintensità della materia bianca per ogni partecipante. Il volume totale medio di questi biomarcatori cerebrali era di 0,5 millilitri (ml). Il volume totale medio del cervello era di 1.180 ml per gli uomini e di 1.053 ml per le donne. Il volume totale medio della materia bianca, l’area del cervello in cui si trovano le iperintensità della materia bianca, era di 490 ml per gli uomini e 430 ml per le donne.

Ebbene, dopo aver aggiustato per l’età e i fattori di rischio vascolare, come l’ipertensione e il diabete, i ricercatori hanno scoperto che le donne in postmenopausa presentavano una quantità maggiore di questi biomarcatori cerebrali rispetto agli uomini di età simile.

Nelle persone di età pari o superiore a 45 anni, le donne in postmenopausa presentavano un volume medio di iperintensità della materia bianca totale di 0,94 ml rispetto a 0,72 ml per gli uomini. I ricercatori hanno anche scoperto che l’aumento dei biomarcatori cerebrali accelerava con l’età e a un ritmo più rapido nelle donne rispetto agli uomini.

Le donne in premenopausa e gli uomini di età simile non presentavano differenze nella quantità media di iperintensità della materia bianca.

I ricercatori hanno anche riscontrato che le donne in postmenopausa avevano più iperintensità della materia bianca rispetto alle donne in premenopausa di età simile. In un gruppo di partecipanti di età compresa tra i 45 e i 59 anni, le donne in postmenopausa presentavano un volume medio totale di iperintensità della materia bianca di 0,51 ml rispetto a 0,33 ml delle donne in premenopausa.

Non c’era alcuna differenza tra le donne in postmenopausa e quelle in premenopausa che facevano uso di terapia ormonale. Secondo Breteler, questo risultato suggerisce che la terapia ormonale dopo la menopausa potrebbe non avere un effetto protettivo sul cervello. Non essendo correlato allo stato di menopausa, le donne con ipertensione arteriosa non controllata presentavano quantità più elevate di questo biomarcatore cerebrale rispetto agli uomini.

“È noto che l’ipertensione, che colpisce i piccoli vasi sanguigni del cervello, può portare a un aumento delle iperintensità della materia bianca“, ha dichiarato Breteler. “I risultati del nostro studio non solo dimostrano che sono necessarie ulteriori ricerche per indagare come la menopausa possa essere correlata alla salute vascolare del cervello.

Essi dimostrano anche la necessità di tenere conto delle diverse traiettorie di salute di uomini e donne e dello stato di menopausa. La nostra ricerca sottolinea l’importanza di una medicina specifica per il sesso e di una terapia più attenta per le donne anziane, soprattutto per quelle con fattori di rischio vascolare”.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

I cervelli di un uomo e una donna sono diversi?

I ricercatori del Caltech hanno scoperto che alcuni rari tipi di cellule cerebrali sono unici ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.