Home / Attualità / Il cibo grasso influenza il cervello
cibo grasso

Il cibo grasso influenza il cervello

La depressione spesso può portare ad obesità o a trovarsi in sovrappeso con chili di troppo. Da sempre viene data la colpa al mangiare troppo e male, ma oggi una ricerca pubblicata sul  Translational Psychiatry chiamata  “A high-fat diet promotes depression-like behaviour in mice by suppressing hypothalamic PKA signalling”, avrebbe scoperto come interagiscono i cibi grassi col nostro cervello e come questo sia correlato con depressione e obesità

Cosa dice la ricerca su come il cibo grasso influenza il cervello

I ricercatori hanno dimostrato, facendo dei testi sui topi, come il consumo eccessivo di grassi saturi può non solo portare ad obesità, ma anche a depressione, tutto per colpa di un enzima chiamato fosfodiesterasi che interagisce nel nostro cervello. Attraverso il sangue gli acidi grassi entrano nel cervello e si accumulano nell’ipotalamo (area collegata al sistema metabolico e alla depressione) una volta qui gli acidi grassi interagiscono con i segnali che portano allo sviluppo dei disturbi dell’umore e alla depressione nei casi più gravi.

La ricerca si è concentrata a osserva questi effetti somministrando ai topi una dieta ricca di grassi e a valutarne i segnali delle aree del cervello collegata allo sviluppo depressivo. Questo studio ha permesso di aiutare a comprendere come l’obesità sia collegata direttamente alla depressione, o meglio come il cibo grasso possa influenzare il nostro cervello innescando meccanismi che portano a disturbi dell’umore.

Non finisce qui perché questa ricerca sta permettendo anche di capire come gli antidepressivi nei soggetti affetti da obesità e depressione, siano meno efficaci. Ulteriori ricerche permetteranno di approfondire questo aspetto di correlazione cibo grasso e cervello e di studiare farmaci nuovi e specifici a lavorare in questa direzione di trattamento.

In conclusione è importante quindi tenere presente come l’idea che consumare cibo per combattere la depressione in realtà sia del tutto errato non solo per la salute a livello fisico, ma anche a livello psicologico. I grassi influenzano il nostro cervello e si trasformano in emozioni negative, questo non lo dobbiamo permettere se vogliamo essere in salute.

 

 

 

 

About Silvia

Mi chiamo Silvia Terracciano, sono nata a Milano ed adottiva del Piemonte. Copywriter e Blogger. Nel 2008 ho conseguito il diploma in Scienze Naturopatiche ad indirizzo Psicosomatico. Continuo a studiare Floriterapia , Aromaterapia, Fitoterapia, Cristalloterapia, Riflessologia, Medicina Cinese, Alimentazione Naturale e discipline come Meditazione, Reiki per il riequilibrio emozionale ed energetico. (per Contatti : sylviaterracciano[@]gmail.com )

Vedi Anche

Sentimenti ed emozioni il malato di Alzheimer li ricorda

Esercizio fisico e memoria, nuovo studio apre interessanti scenari

Negli anni gli scienziati hanno raccolto numerose prove in grado di creare collegamenti solidi tra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *