Home / Attualità / Il deficit del sonno crea danni duraturi maggiori di quanto si pensasse

Il deficit del sonno crea danni duraturi maggiori di quanto si pensasse

Dopo 7 giorni di ripresa da un periodo di 10 giorni di sonno carente, i partecipanti ad un piccolo studio avevano recuperato la loro velocità di reazione su livelli comparabili a quelli prima della privazione del sonno, ma non avevano recuperato completamente altre misure funzionali. A sostenerlo è un articolo curato da Jeremi Ochab della Jagiellonian University di Cracovia, Polonia, pubblicato sulla rivista Plos One pochi giorni fa.

Come noto, la carenza di sonno è ben nota per avere un impatto negativo sul funzionamento dell’organismo umano. Per esempio, è associata a deficit di attenzione e memoria, così come a un aumento del rischio di incidenti stradali, problemi cardiaci e altri pregiudizi medici. Tuttavia, mentre alcune ricerche hanno affrontato il recupero dopo la privazione cronica del sonno, non sempre è stato chiaro quanto tempo fosse necessario per recuperare completamente da periodi prolungati di sonno carente.

Per fare più luce su questo argomento, Ochab e i suoi colleghi hanno condotto un piccolo studio con diversi adulti sani che sono stati sottoposti a 10 giorni di restrizione intenzionale del sonno seguita da 7 giorni di recupero di sonno illimitato. I partecipanti hanno completato lo studio nei loro normali ambienti quotidiani, indossando sensori da polso per monitorare i modelli quotidiani di sonno e attività. Sono poi stati sottoposti a elettroencefalografia (EEG) quotidiana per monitorare l’attività cerebrale e hanno risposto a domande quotidiane per misurare i tempi di reazione e la precisione.

Ebbene, dopo 7 giorni di recupero, i partecipanti non erano ancora tornati alle prestazioni pre-privazione del sonno sulla maggior parte delle misure di funzionamento, come quelle EEG dell’attività cerebrale, i modelli di riposo contro attività fisica (captati dai sensori del polso), e la precisione nei compiti di Stroop. Solo i loro tempi di reazione avevano recuperato ai livelli di base.

Sebbene i ricercatori ammettano che è difficile confrontare questi risultati con altri studi che hanno impiegato metodi diversi, i risultati contribuiscono nuove intuizioni nel recupero dalla perdita di sonno cronica. La ricerca futura potrebbe espandersi a un maggior numero di partecipanti, studiare periodi di recupero più lunghi e distinguere l’ordine in cui le diverse funzioni tornano alla normalità.

 

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Perché è importante l’educazione e la scuola per i bambini?

Cosa bisogna aspettarsi quando mandiamo i nostri bambini a scuola? Questa è la celebre domanda ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *