Home / Attualità / L’esercizio fisico aiuta a tenere il cervello in forma?

L’esercizio fisico aiuta a tenere il cervello in forma?

Diversi studi hanno dimostrato che l’esercizio fisico aiuta a proteggere le cellule cerebrali. In questo filone di analisi, una nuova osservazione che esamina i meccanismi coinvolti in questa relazione suggerisce che il ruolo dell’esercizio fisico nel mantenere i livelli di insulina e di indice di massa corporea può aiutare a proteggere il volume del cervello e – quindi – a prevenire la demenza. La ricerca è pubblicata nel numero online del 13 aprile 2022 di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Questi risultati possono aiutarci a capire come l’attività fisica influisce sulla salute del cervello, il che può guidarci nello sviluppo di strategie per prevenire o ritardare il declino legato all’età nella memoria e nelle capacità di pensiero”, ha detto l’autore dello studio Géraldine Poisnel, del centro di ricerca Inserm di Caen, Francia. “Gli anziani che sono fisicamente attivi ottengono benefici cardiovascolari, che possono risultare in una maggiore integrità strutturale del cervello”.

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che la relazione tra l’esercizio e il metabolismo del glucosio nel cervello non è stata influenzata dai livelli di insulina o indice di massa corporea (BMI). Un ridotto metabolismo del glucosio nel cervello può essere visto nelle persone con demenza.

Lo studio ha coinvolto 134 persone con un’età media di 69 anni che non avevano problemi di memoria. Le persone hanno compilato dei sondaggi sulla loro attività fisica nell’ultimo anno. Hanno avuto scansioni cerebrali per misurare il volume e il metabolismo del glucosio. Sono state raccolte informazioni sul BMI e sui livelli di insulina, così come il colesterolo, la pressione sanguigna e altri fattori.

Le persone con la maggior parte dell’attività fisica avevano un più alto volume totale di materia grigia nel loro cervello rispetto alle persone con la minor quantità di attività fisica, con una media di circa 550.000 millimetri cubi (mm³) rispetto a circa 540.000 mm³. Quando i ricercatori hanno esaminato solo le aree del cervello colpite dalla malattia di Alzheimer, hanno trovato gli stessi risultati. In particolare, quelli con più attività avevano anche un tasso medio più alto di metabolismo del glucosio nel cervello rispetto a quelli con meno attività.

Una maggiore attività fisica non era associata alla quantità di placca amiloide che le persone avevano nel loro cervello. La placca amiloide è un marcatore della malattia di Alzheimer.

Poisnel ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche per capire i meccanismi dietro queste relazioni. “Mantenere un BMI più basso attraverso l’attività fisica potrebbe aiutare a prevenire il metabolismo insulinico disturbato che è spesso visto nell’invecchiamento, promuovendo così la salute del cervello“, ha specificato, ricordando che lo studio non dimostra espressamente che l’esercizio protegge il volume del cervello, ma solo un’associazione.

Una limitazione dello studio è che le persone hanno segnalato la propria attività fisica, e quindi le stesse potrebbero non ricordare con precisione. Lo studio è stato sostenuto dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea, dalla Regione Normandia e dalla Fondazione MMA degli imprenditori del futuro.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

In che modo la piattaforma di Zoom può agire sul cervello?

Focalizzarci su qualcuno può risultare estremamente pericoloso e faticoso per la mente, ma tutti abbiamo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.