Home / Attualità / Negligenza emotiva affettiva nel bambino: cosa può causare in età adulta? Come superarla?

Negligenza emotiva affettiva nel bambino: cosa può causare in età adulta? Come superarla?

In un mondo dove l’attenzione è spesso rivolta verso forme di maltrattamento fisico e verbale, una forma di abuso meno visibile ma ugualmente devastante passa inosservata: la negligenza emotiva infantile. Questa subdola mancanza di attenzione alle esigenze emotive del bambino può avere conseguenze profonde e durature, incidendo significativamente su autostima, autovalutazione, fiducia in se stessi e conoscenza di sé. In questo articolo, ci addentreremo in una comprensione più profonda di queste questioni, basandoci sulle osservazioni e le ricerche nel campo della psicologia infantile.

L’Impatto Invisibile della Negligenza Emotiva

1. Autostima: L’autostima è influenzata in maniera significativa dalle interazioni infantili con i genitori o i caregiver. Quando un bambino esprime un’emozione e questa viene ignorata o sminuita, impara a credere che i suoi sentimenti, e di conseguenza se stesso, non siano validi o importanti. Questo può tradursi in un adulto che dubita costantemente delle proprie capacità e del proprio valore, ostacolando la realizzazione personale e professionale.

2. Autovalutazione: Il concetto di autovalutazione si riferisce a come ci percepiamo rispetto al mondo che ci circonda e al nostro merito di felicità e successo. La negligenza emotiva inculca spesso una sensazione di indegnità, portando gli individui a sentirsi non meritevoli di amore, rispetto o successo. Questo può manifestarsi in adulti che evitano opportunità di crescita o che si accontentano di relazioni e situazioni insoddisfacenti.

3. Fiducia in Se Stessi: Un bambino il cui ambiente familiare non ha fornito una risposta adeguata alle sue espressioni emotive può crescere con una profonda incertezza nelle proprie decisioni e percezioni. Questa mancanza di fiducia si riflette in molti aspetti della vita adulta, dalla vita professionale alle relazioni interpersonali, portando a un senso costante di insicurezza e dubbio.

4. Conoscenza di Sé: La comprensione di sé è fondamentale per navigare la vita in maniera efficace. La negligenza emotiva può lasciare una persona incapace di identificare i propri bisogni, desideri e preferenze, rendendo difficile perseguire obiettivi personali e professionali che siano veramente in linea con i propri valori e aspirazioni.

Dalle Ombre alla Luce: Percorsi di Guarigione

Riconoscimento e Accettazione: Il primo passo per superare le conseguenze della negligenza emotiva è riconoscerne l’esistenza. Capire che le difficoltà attuali possono avere radici nel passato è fondamentale per iniziare un percorso di guarigione.

Terapia e Supporto Professionale: Spesso, il supporto di un terapeuta può essere cruciale nel fornire lo spazio e gli strumenti necessari per lavorare su queste problematiche. Terapie come la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) possono essere particolarmente utili nel modificare schemi di pensiero negativi radicati.

Autoconsapevolezza e Crescita Personale: Coltivare una maggiore consapevolezza di sé attraverso la meditazione, la scrittura riflessiva e altre pratiche di auto-esplorazione può aiutare a riconnettersi con le proprie emozioni e bisogni. Questo processo favorisce una maggiore comprensione di sé e una fiducia rinnovata nelle proprie capacità e valori.

Costruire Relazioni Positive: Impegnarsi in relazioni sane e di supporto può fornire un nuovo contesto per sperimentare la validazione emotiva e il riconoscimento che mancavano nell’infanzia. Questo può includere amicizie, relazioni amorose, ma anche relazioni professionali.

Sviluppo di Nuove Credenze: Sostituire le vecchie credenze limitanti, nate dalla negligenza emotiva, con nuove, più positive e costruttive, è una parte fondamentale del processo di guarigione. Ciò implica spesso un lavoro costante e consapevole su di sé.

Affrontare e superare le sfide causate dalla negligenza emotiva infantile non è un percorso semplice o lineare. Tuttavia, con la consapevolezza, il supporto adeguato e la determinazione, è possibile trasformare le ferite del passato in forza e resilienza. Come afferma il Dr. Dan Siegel, è essenziale “nominare per domare”: identificare ciò con cui si ha a che fare è il primo passo verso la gestione e la risoluzione. Questo percorso porta alla costruzione di un sé più sicuro, degno, consapevole e realizzato: il “tu” che sei sempre stato destinato ad essere.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

film psicologici

Film psicologici: 10 titoli che non potete perdere!

Quello dei film psicologici è un vero e proprio filone narrativo che ogni anno attira ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *