Home / Psicologia / I primi segnali per riconoscere un uomo violento

I primi segnali per riconoscere un uomo violento

Nel nostro paese sentiamo sempre più parlare di femminicidio, omicidio di donne che spesso avviene a causa del marito o del fidanzato.

Tutti inorridiamo davanti a fatti del genere, e ci chiediamo come fosse possibile che quella povera donna fosse riuscita a stare con quell’uomo, specialmente nei casi in cui i soprusi e le violenze continuavano anche da anni.

Il problema è che, specialmente all’inizio della relazione, riconoscere una persona violenta non è facile, ma i segnali ci sono, e bisogna saper riconoscere quelli, perché sono la “punta dell’iceberg” della violenza.

In questo articolo andremo a vedere quali sono questi segnali, per rifletterci e magari per poterne parlare con un esperto.

1. L’isolamento

Tendenzialmente, la frase è “stiamo benissimo anche da soli, perché hai bisogno di tua mamma/delle tue amiche?”.

E’ una frase molto pericolosa, perché cela un tentativo di isolamento: l’uomo violento tende a voler controllare la vittima non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto fisiologico: frasi del genere lasciano intendere una propensione al controllo.

PAGINA SEGUENTE ->

Vedi Anche

Intestino bloccato dall’ansia? Niente paura è solo una risposta del nostro cervello

Intestino pigro? No semplicemente bloccato dall’ansia. Cosa succede quando l’intestino si blocca, la pancia si ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *