Home / Attualità / Come si manifesta un attacco da shopping compulsivo?
shopping compulsivo
shopping compulsivo

Come si manifesta un attacco da shopping compulsivo?

Come si manifesta un attacco da shopping compulsivo?

Il filosofo Guy Debord, in alcuni suoi scritti ha sostenuto:

“Se le persone non trovano quel che desiderano, si accontentano di desiderare quello che trovano”

Niente di più vero! Immaginate soltanto che senza la cosiddetta “sindrome” da acquisto impulsivo la nostra società, così com’è attualmente organizzata economicamente e politicamente, crollerebbe in un attimo. I consumi diminuirebbero drasticamente e a catena tutto l’edificio su cui si fonda la nostra economia.

Sembra uno scenario apocalittico, ma proviamo a fare un piccolo esperimento comportamentale per meglio comprendere il fenomeno. Scegliete un vostro giorno libero, possibilmente il giorno dopo aver percepito lo stipendio o comunque quando avete dei soldini in tasca. Entrate in un mega-galattico centro commerciale e fatevi un bel giretto in lungo e in largo.

Fatto?

Provate ad uscirne senza aver acquistato niente, ma proprio niente.

In realtà questa specie di gioco sottolinea una difficoltà molto comune, ossia quella di imporre la propria volontà ad un’astinenza. In breve, questa debolezza è ciò che innesca il disturbo dell’acquisto impulsivo o compulsivo, che si voglia dire.

I soggetti che presentano questo disturbo, se inizialmente comprano per il piacere che si ricava da un nuovo acquisto, in seguito riportano uno stato di tensione crescente, ed il desiderio di comprare diventa un impulso irrefrenabile. In seguito all’acquisto compulsivo di oggetti d’ogni tipo, che il più delle volte vengono messi da parte o regalati oppure buttati via, si riscontrano molto spesso sentimenti di colpa e vergogna.

È stata in particolare la studiosa statunitense S.L. McElroy ad occuparsi di questo fenomeno, proponendo alcuni criteri diagnostici per distinguere le persone che praticano lo shopping come una normale attività, da quelle per cui esso assume caratteristiche da considerare patologiche.

In ultima analisi, c’è da dire che nonostante lo “shopping compulsivo” fosse presente ben prima dello sviluppo delle nuove tecnologie, l’avvento di Internet ha portato ad un’importante amplificazione del fenomeno. Infatti, Internet permette alle persone di acquistare un’infinità di prodotti dai negozi di tutto il mondo in “tempo reale” e comodamente da casa, senza sforzo.

per capire noi stessi, il prossimo articolo è di particolare interesse Perché l’uomo è un animale sociale?

About Francesco Russo

Mi chiamo Francesco Russo, nato a Benevento e residente a Roccabascerana (AV). Amo viaggiare, il trekking, healthy food e la cucina casareccia, strimpello il basso elettrico e nel weekend sono in pista come Marshall. Ho conseguito la Laurea Triennale in Ing. Civile e Ambientale. Ho iniziato ad interessarmi al mondo del Web Marketing e per trasformare questa passione in lavoro ho conseguito presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli il Master in e-Commerce Management. Mi occupo dello sviluppo di e-Commerce, Siti vetrina, Social e Blog, secondo le necessità dei clienti, cerco di interpretare al meglio quella che oggi chiamiamo SEO. Sono una persona di buona volontà, ma non uno specialista Francesco

Vedi Anche

Memoria, ricercatori scoprono come “modificarla”

All’interno del nostro cervello l’ippocampo è in grado di immagazzinare le informazioni sensoriali ed emotive ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *