Home / Attualità / Un nuovo test del sangue ci dice quanto siamo ansiosi e cosa possiamo fare

Un nuovo test del sangue ci dice quanto siamo ansiosi e cosa possiamo fare

I ricercatori dell’Indiana University School of Medicine hanno sviluppato un esame del sangue per l’ansia: il test esamina alcuni biomarker che possono aiutare a determinare in modo oggettivo il rischio di sviluppare ansia, la gravità dell’ansia attuale e quali terapie potrebbero trattare meglio l’ansia.

Molte persone soffrono di ansia, che può essere molto invalidante e interferire con la vita quotidiana“, ha dichiarato il professore di psichiatria Alexander Niculescu. “L’approccio attuale consiste nel parlare con le persone di come si sentono per vedere se possono assumere farmaci, ma alcuni farmaci possono creare dipendenza e creare ulteriori problemi. Volevamo vedere se il nostro approccio per identificare i biomarcatori del sangue potesse aiutarci ad associare le persone ai farmaci esistenti che funzionano meglio e potrebbero essere una scelta che non crea dipendenza“.

Le precedenti ricerche di Niculescu hanno portato allo sviluppo di analisi del sangue per il dolore, il disturbo depressivo/bipolare e il disturbo da stress post-traumatico. L’ultimo lavoro, pubblicato su Molecular Psychiatry, utilizza metodi simili per l’ansia.

In particolare, lo studio ha usato tre coorti indipendenti: scoperta, validazione e test. I partecipanti dovevano effettuare un esame del sangue ogni 3-6 mesi o ogni volta che si verificava un nuovo ricovero psichiatrico. Esaminando i biomarcatori di RNA nel sangue, i ricercatori hanno potuto identificare l’attuale stato di ansia di un paziente e abbinarlo a farmaci e nutraceutici, mostrando l’efficacia delle diverse opzioni in base alla sua biologia.

“Oltre ai farmaci, esistono altri metodi per trattare l’ansia, come la terapia cognitivo-comportamentale o i cambiamenti nello stile di vita“, ha detto Niculescu. “Ma avere a disposizione qualcosa di oggettivo come questo, che ci permette di sapere qual è lo stato attuale di una persona, il suo rischio futuro e quali opzioni terapeutiche corrispondono al suo profilo, è molto potente per aiutare le persone”.

Quanto siamo in ansia?

I biomarcatori di una persona possono anche cambiare nel tempo. Niculescu ha detto che il test può aiutare a valutare il rischio di una persona di sviluppare livelli più elevati di ansia in futuro, nonché il modo in cui altri fattori potrebbero influenzare l’ansia, come i cambiamenti ormonali.

Ci sono persone che soffrono di ansia e non vengono diagnosticate correttamente, poi hanno attacchi di panico, ma pensano di avere un attacco di cuore e si ritrovano al pronto soccorso con ogni sorta di sintomi fisici“, ha detto Niculescu. “Se riusciamo a saperlo prima, possiamo sperare di evitare questo dolore e questa sofferenza e di trattarli prima con qualcosa che corrisponda al loro profilo”.

Niculescu ha poi precisato come questo nuovo test possa essere usato anche in combinazione con gli altri esami del sangue a cui ha portato la sua ricerca, fornendo una visione più completa della salute mentale di un paziente e del rischio di futuri problemi di salute mentale. I ricercatori possono anche utilizzare il test per sviluppare nuovi trattamenti per l’ansia più mirati ai singoli biomarcatori.

“Questo potrebbe essere un test di gruppo nell’ambito delle regolari visite di benessere dei pazienti, per valutare la loro salute mentale nel tempo e prevenire qualsiasi disagio futuro“, ha detto Niculescu. “La prevenzione è migliore nel lungo periodo, quindi il nostro obiettivo è quello di fornire un rapporto completo ai pazienti e ai loro medici utilizzando semplicemente una provetta di sangue”.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Perché è importante avere uno scopo nella vita

Numerose ricerche dimostrano che avere uno scopo, indipendentemente da quale esso sia, ci fa stare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *