Home / Attualità / Vivere in un quartiere svantaggiato ha riflessi sulle scelte alimentari

Vivere in un quartiere svantaggiato ha riflessi sulle scelte alimentari

Secondo una recente ricerca della David Geffen School of Medicine dell’UCLA, vivere in un quartiere svantaggiato può influenzare le scelte alimentari, l’aumento di peso e persino la microstruttura del cervello.

Lo studio, pubblicato su Communications Medicine, una rivista di Nature, ha di fatti scoperto che la scarsa qualità degli alimenti disponibili, l’aumento dell’assunzione di calorie da cibi ad alto contenuto di acidi grassi trans e gli ambienti che non favoriscono l’attività fisica, tutti elementi prevalenti nei quartieri svantaggiati, alterano la flessibilità dell’elaborazione delle informazioni nel cervello che è coinvolto nella ricompensa, nella regolazione delle emozioni e nella cognizione.

Già ricerche precedenti avevano peraltro dimostrato che vivere in un quartiere svantaggiato può avere un impatto sulla salute del cervello, ma in questo studio i ricercatori hanno effettuato un’analisi dettagliata della corteccia cerebrale per determinare come vivere in un’area svantaggiata possa modificare aree specifiche del cervello che svolgono ruoli diversi.

Le dichiarazioni dei ricercatori

Abbiamo scoperto che il quartiere svantaggiato era associato a differenze nella struttura fine della corteccia cerebrale. Alcune di queste differenze erano legate a un indice di massa corporea più elevato e correlate all’assunzione di acidi grassi trans presenti nei fast food fritti“, ha dichiarato Arpana Gupta, co-direttore del Goodman-Luskin Center e direttore del Neuroimaging Core.

I nostri risultati suggeriscono che le regioni del cervello coinvolte nella ricompensa, nelle emozioni e nell’acquisizione di conoscenza e comprensione potrebbero essere influenzate da aspetti di svantaggio del quartiere che contribuiscono all’obesità“, ha ancora precisato Gupta, autore senior dello studio. “Questo evidenzia l’importanza di affrontare i problemi di qualità della dieta nei quartieri svantaggiati per proteggere la salute del cervello”.

Lo svantaggio del quartiere è definito da una combinazione di fattori quali il basso reddito mediano, il basso livello di istruzione, l’affollamento e la mancanza di un sistema idraulico completo. Lo studio – che ha incluso 92 partecipanti, di cui 27 uomini e 65 donne dell’area di Los Angeles – ha raccolto informazioni demografiche e sull’indice di massa corporea, mentre lo svantaggio del quartiere è stato valutato in base all’indice di deprivazione dell’area (ADI) utilizzando l’Atlante dei quartieri della University of Wisconsin School of Medicine’s Public Health.

I risultati dello studio

Ebbene, in questo studio i ricercatori si sono concentrati soprattutto sulla relazione tra ADI e risultati di neuroimaging a quattro livelli della corteccia cerebrale per indagare in modo più dettagliato le connessioni tra svantaggio del quartiere e struttura cerebrale. I partecipanti sono stati sottoposti a due tipi di risonanza magnetica che, se analizzati in combinazione, forniscono informazioni sulla struttura, la segnalazione e la funzione del cervello.

Diverse popolazioni di cellule esistono in diversi strati della corteccia, dove esistono diversi meccanismi di segnalazione e funzioni di elaborazione delle informazioni“, ha dichiarato Lisa Kilpatrick, ricercatrice del Goodman-Luskin Microbiome Center che si occupa di firme cerebrali legate alla disregolazione cervello-corpo e prima autrice dello studio. “Esaminare la microstruttura a diversi livelli corticali permette di comprendere meglio le alterazioni delle popolazioni cellulari, dei processi e delle vie di comunicazione che possono essere influenzate dal fatto di vivere in un quartiere svantaggiato”.

Secondo i risultati dello studio, valutazioni peggiori dell’ADI erano associate a cambiamenti nella comunicazione in regioni cerebrali importanti per l’interazione sociale. Altri cambiamenti si sono verificati nelle regioni coinvolte nella ricompensa, nella regolazione delle emozioni e nei processi cognitivi superiori, e questi cambiamenti sembrano essere influenzati dall’assunzione di acidi grassi trans. L’insieme dei risultati suggerisce che i fattori prevalenti nei quartieri svantaggiati che incoraggiano un’alimentazione scorretta e un aumento di peso non salutare “alterano la flessibilità dell’elaborazione delle informazioni coinvolte nella ricompensa, nella regolazione delle emozioni e nella cognizione”.

 

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Lo stress è contagioso?

Provate a pensarci: quando osservate una persona stressata, a volte iniziate a sentirvi stressati anche ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *