Home / Psicologia / 5 aggressioni verbali della quotidianità che non notiamo

5 aggressioni verbali della quotidianità che non notiamo

Quando si parla di un’aggressione verbale, si pensa generalmente ad una grande manifestazione di rabbia, con urla e comportamenti molto tipici da parte dell’aggressore.

Spesso, però, non è così. Le aggressioni peggiori, quelle più difficili da notare, non avvengono con manifestazioni plateali, ma possono verificarsi nella vita di tutti i giorni anche senza che ce ne rendiamo conto. In questa pagina ne elencheremo cinque tra le più frequenti. Aggressioni piccole ma che, se ripetute nel tempo, possono agire molto in negativo sulla nostra autostima.

1. Ridicolizzare l’altro

Ridicolizzare l’altro facendo una battuta è a tutti gli effetti una forma di aggressione.

Spesso chi è vittima di questo “attacco” ci passa di sopra, ma in realtà il sentimento di vergogna è uno di quelli che maggiormente colpisce l’autostima. Bisogna ribellarsi a questo tipo di attacchi.
PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio Guiggi

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

autocommiserazione-significato-psicologia

Sei una persona che si auto-commisera?

Sei una persona che si auto-commisera? Sicuramente (primo o poi capita a tutti) ti sarà ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *