Home / Attualità / Alcol, gli effetti negativi partono dal cervello e non dal fegato

Alcol, gli effetti negativi partono dal cervello e non dal fegato

Una parlata confusa, la scarsa coordinazione e gli effetti sedativi del bere troppo alcol possono essere causati dall’effetto dell’alcol sul cervello, e non nel fegato come pensano gli scienziati. Questa è la conclusione a cui è giunto un nuovo studio condotto da ricercatori della University of Maryland School of Medicine (UMSOM) e del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, pubblicato di recente sulla rivista Nature Metabolism e in grado di fornire nuove intuizioni su come l’alcol possa influenzare il cervello e il potenziale per nuovi trattamenti per gestire l’abuso di alcol.

È noto che il fegato sia l’organo principale che metabolizza l’alcol, utilizzando l’enzima alcol deidrogenasi per convertire l’alcol in un composto chiamato acetaldeide.

L’acetaldeide, che ha effetti tossici, viene rapidamente scomposta in una sostanza più benigna chiamata acetato. Questo avviene attraverso un enzima diverso chiamato acetaldeide deidrogenasi 2 (ALDH2). Finora, l’alcol e l’acetaldeide, prodotti dal fegato, sono stati considerati attori importanti nell’innescare il deterioramento cognitivo associato al consumo di alcol. L’acetato, d’altra parte, è stato considerato relativamente poco importante nella produzione di effetti come il deterioramento motorio, la confusione e la difficoltà di parola. I ricercatori non sapevano anche quale regione del cervello o quali cellule cerebrali particolari fossero più importanti per il metabolismo dell’alcol.

Ebbene, per saperne di più sul ruolo svolto dal cervello nel metabolismo dell’alcol, i ricercatori hanno misurato la distribuzione dell’enzima ALDH2 nel cervelletto, utilizzando scanner di risonanza magnetica (MR) sia nei topi che nei tessuti umani. Hanno osservato che ALDH2 era espresso nel cervelletto, in un tipo di cellula nervosa chiamata astrocita, sia nel tessuto cerebrale umano che nei topi vivi.

I ricercatori hanno così scoperto che questo enzima controllava la conversione dell’acetaldeide in acetato nel cervello. Hanno anche trovato effetti cellulari e comportamentali indotti dall’alcol in regioni specifiche del cervello dove questo enzima era espresso. L’acetato è stato trovato per interagire con il messaggero chimico del cervello chiamato GABA, che è noto per diminuire l’attività del sistema nervoso. Questa diminuzione dell’attività può portare a sonnolenza, compromettere la coordinazione e abbassare le normali sensazioni di inibizione.

Abbiamo scoperto che ALDH2 era espresso in cellule note come astrociti nel cervelletto, una regione del cervello che controlla l’equilibrio e la coordinazione motoria“, ha detto Qi Cao, PhD, assistente professore di radiologia diagnostica e medicina nucleare presso l’Università del Maryland School of Medicine. “Abbiamo anche scoperto che quando ALDH2 è stato rimosso da queste cellule, i topi erano resistenti alla compromissione motoria indotta dal consumo di alcol”.

Su Xu, PhDHe e il suo team hanno anche trovato l’enzima ALDH2 in altre regioni del cervello responsabili della regolazione emotiva e del processo decisionale (entrambi compromessi dal consumo eccessivo di alcol), tra cui l’ippocampo, l’amidala e la corteccia prefrontale.

Questi risultati suggeriscono che alcune regioni del cervello sono importanti per il metabolismo dell’alcol e che le anomalie nella produzione dell’enzima in queste regioni del cervello possono portare a effetti dannosi associati all’abuso di alcol. Suggeriscono anche che l’acetato prodotto nel cervello e nel fegato differiscono nella loro capacità di influenzare le funzioni motorie e cognitive.

Il nostro prossimo passo è determinare se questi meccanismi osservati nei topi esistono anche nelle persone“, ha detto il dottor Cao. “Vorremmo sapere se il metabolismo dell’alcol è regolato direttamente nel cervello umano. Se ulteriori ricerche confermeranno che è così, ciò potrebbe portare a nuovi potenziali obiettivi per il trattamento del disturbo da uso di alcol“.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Gli aspetti negativi che subentrano quando non ci si impegna abbastanza

Sicuramente avrai vissuto dei momenti che non ti avranno soddisfatto, in quanto hanno comportato sparizioni ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *