Home / Attualità / Ansia scolastica nei bambini: un sentimento reale

Ansia scolastica nei bambini: un sentimento reale

L’ansia scolastica nei bambini non è semplicemente un fenomeno “nella loro testa”, ma un’esperienza che può manifestarsi con sintomi fisici intensi e spesso inspiegabili. Questo fenomeno, ben noto ai pediatri, mette in luce la complessità delle emozioni infantili e la loro diretta influenza sul benessere fisico dei bambini.

I piccoli, con la loro naturale vulnerabilità e il desiderio di sicurezza, vivono le emozioni intensamente, anche se spesso non dispongono delle capacità cognitive per esprimerle adeguatamente. In questo contesto, l’ansia può facilmente trasformarsi da uno stato emotivo a uno fisico, presentandosi con sintomi che sfidano spiegazioni mediche convenzionali.

La storia di Marco

Uno scenario emblematico di questa situazione può essere rappresentato dalla storia di Marco, un bambino di 7 anni, il cui caso illustra vividamente come l’ansia scolastica si manifesti in sintomi fisici. Marco, accompagnato dai genitori preoccupati, ha manifestato ripetuti e inspiegabili dolori addominali, soprattutto in concomitanza con la frequenza scolastica. Questi sintomi, apparentemente scollegati da cause mediche dirette, suggeriscono una connessione tra l’ansia legata alla scuola e la manifestazione fisica del disagio.

Nel caso di Marco, il suo comportamento durante la visita medica – l’ansia palpabile, l’attenzione eccessiva alle dinamiche della conversazione senza partecipare direttamente – fornisce indizi cruciali sulla natura emotiva dei suoi sintomi. Questi segnali, insieme all’assenteismo scolastico ricorrente, pongono l’ansia legata alla scuola in cima alle preoccupazioni diagnostiche.

Come si deve affrontare?

La sfida per i pediatri e pedagogisti risiede nel riconoscere e affrontare efficacemente questi sintomi emotivi, che spesso si nascondono dietro una maschera di problemi fisici. La ricerca ha dimostrato che una percentuale significativa di visite pediatriche ambulatoriali prima della pandemia era attribuibile all’ansia scolastica presentata attraverso sintomi medici inspiegabili. Ciò sottolinea l’urgenza di approcci terapeutici che colmino il divario tra la comprensione accademica dei disturbi emotivi e la pratica clinica quotidiana.

Gli sviluppi nella neuroscienza della mappatura cerebrale hanno ampliato la nostra comprensione dei collegamenti tra il cervello emotivo e i sintomi fisici. Queste scoperte offrono una base per trattamenti innovativi che affrontano le cause emotive alla radice dei sintomi fisici. Tuttavia, l’adozione di questi approcci nei contesti pediatrici di routine rimane una sfida, evidenziando la necessità di un maggiore dialogo e formazione tra specialisti.

L’importanza di riconoscere i segnali emotivi e fisici

È fondamentale che i professionisti sanitari, compresi i pediatri, riconoscano e legittimino l’esperienza del dolore nei bambini, indipendentemente dalla sua origine fisica o emotiva. Affrontare apertamente l’ansia e i suoi sintomi con i bambini e le loro famiglie, offrendo allo stesso tempo educazione sul ruolo del cervello emotivo, può gettare le basi per una fiducia e una guarigione durature.

L’approccio al trattamento dovrebbe quindi includere il sostegno alla ripresa delle funzioni quotidiane, come la frequenza scolastica. Questo implica una collaborazione tra pediatri, genitori, insegnanti e, se necessario, terapisti, per sviluppare strategie compassionevoli che incoraggino il bambino a confrontarsi con l’ansia in modo costruttivo. È attraverso la comprensione, il supporto e l’intervento precoce che i bambini come Marco possono imparare a navigare le loro emozioni in modo salutare, riducendo l’impatto dell’ansia sulla loro vita scolastica e quotidiana.

In sintesi, l’ansia da scuola nei bambini è un problema complesso che richiede una risposta multidisciplinare. Riconoscendo i segnali e affrontando le cause emotive dei sintomi fisici, i pediatri e altri professionisti della salute possono svolgere un ruolo cruciale nell’aiutare i bambini a superare queste sfide e a promuovere un benessere a lungo termine.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

film psicologici

Film psicologici: 10 titoli che non potete perdere!

Quello dei film psicologici è un vero e proprio filone narrativo che ogni anno attira ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *