Home / Psicologia / Bambini e capricci cosa fare
capricci

Bambini e capricci cosa fare

Le mamme spesso si chiedono cosa fare con i bambini capricciosi e su questo argomento sono stati scritti diversi libri e vi sono diverse correnti di pensiero su come affrontare la questione. Qui vi voglio dare solo qualche suggerimento su come affrontare i capricci, senza andare nel dettaglio di nessuna corrente pensiero e/o teoria.

I motivi dei capricci

I motivi per cui scoppiano i capricci sono spesso “futili” ad esempio:

  • dolce negato o altro cibo;
  • giocattolo altrui di cui si vuole appropriare il bambino e viene detto di no;
  • un abito che rifiuta di indossare;
  • non voler dormire;

e molto altro ancora.

Il genitore reagisce ai capricci spesso con imposizioni e rabbia, ricordate in primis che il bambino spesso utilizza quelli che noi chiamiamo “capricci” come modo per esprimere con tutte le sue forze quello che vorrebbe, non avendo altri strumenti per esprimerlo soprattutto intorno ai 2 anni.

 

I nostri suggerimenti per affrontare i capricci

Non è facile dare dei suggerimenti utili, ogni bambino è a sé e voi conoscete i vostri figli qui vi possiamo suggerire quanto segue:

  • non mettetevi sullo stesso piano di un bambino è una terribile trappola. A 2 o 3 anni non date spiegazioni e non parlate di regole, ma applicatele senza discuterle;
  • vietato gridare al bambino, innescherete solo una reazione a catena che non porterà  nulla;
  • stabilite dei confini dentro cui il bambino si fortifica e si sente al sicuro, crescendo allargateli così i capricci vengono contenuti;
  • affinare l’osservazione a volte quelli che sembrano capricci in realtà è l’espressione di un vero bisogno;
  • non obbligate né cercate di convincere in un momento di rabbia del bambino, non capirà aspettate che si calmi e poi spiegate ad esempio il significato di mio e tuo;
  • non tornate indietro su una decisione se avete detto NO è NO, non cambiate idea solo perché piange e non consolatelo con caramelle, cioccolato o altro, altrimenti si innesca il meccanismo per cui dopo un NO e un capriccio arriva un premio consolatorio.

Infine ricordate che gli eccessi non vanno mai vai bene, eccedere nelle regole non porta mai a buoni risultati il gioco, le risate e le coccole stimolano invece una produzione di ormoni che suscita uno stato di calma e benessere. Questo ridurrà notevolmente i capricci del bambino.

Vedi Anche

Persone ottimiste: 5 caratteristiche che le distinguono

Essere ottimisti permette di affrontare la vita in modo migliore, nelle tantissime difficoltà che possono interessarci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *