Home / Attualità / Bryonia alba, una pianta per curare i dolori acuti
ecco gli effetti della Bryonia alba

Bryonia alba, una pianta per curare i dolori acuti

Sai che esiste una pianta simile ad un piede umano, ma che potrebbe aiutarti a combattere le infiammazione articolari?

Ebbene, questa pianta esiste e si chiama Bryonia alba ed è una pianta della famiglia delle cucurbitacee, con foglie larghe ed una grossa radice succulenta, appunto a forma di piede.

La radice di questa pianta è piuttosto tossica e questo è il motivo per cui non ha mai trovato grosso impiego nella fitoterapia, se non diluita e mescolata con altre preparazioni omeopatiche.

Tuttavia le sue proprietà terapeutiche sono straordinarie ed efficaci soprattutto sulle infiammazioni.

Come agisce questa pianta?

Da studi effettuati, pare che la Bryonia alba vada ad agire sui dolori acuti e pungenti delle infiammazioni articolari, dal nervo sciatico fino alla lombosciatalgia, con buoni risultati, alleviando la pressione della parte dolente e migliorandole la mobilità. Ovviamente, bisogna rispettare un periodo di riposo, per ottenere dei miglioramenti significativi.

Tuttavia devi sapere che la Bryonia alba è utilizzata per i dolori sub-acuti che si manifestano lentamente, dove la sintomatologia va e viene, fino a diventare fissa e incessante.

Su questa tipologia di dolori, la pianta pare funzionare molto bene.

In quali altre situazioni si utilizzala la Bryonia alba?

  • Cefalea improvvisa, come se la testa stesse scoppiando a che a seguito di una forte arrabbiatura;
  • Infiammazioni agli occhi, con tendenza all’arrossamento;
  • Infiammazioni delle mucose di gola e bocca;
  • Difficoltà digestive, come pesantezza allo stomaco, diarrea o stipsi;
  • Problemi all’apparato urinario, come bruciori dovuti alla cistite;
  • Problemi all’apparato respiratorio, come raucedine e bronchite acuta.

Come tutti i rimedi naturali, ci sono delle controindicazioni: la radice della pianta è fortemente velenosa e quindi non va assolutamente mangiata.

L’ingestione potrebbe causare problemi molto gravi all’apparato digerente, quindi non improvvisare nessuna cura fai da te ma rivolgetevi sempre a persone qualificate per farvi consigliare sull’utilizzo.

 

 

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

Meteosensibilità: anche tu soffri di malessere stagionale? Ecco i rimedi della natura

Le temperature si abbassano, i colori cambiano, le ore di luce diminuiscono e un senso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *