Home / Attualità / Bulimia nervosa, ecco come il cervello non può farci smettere di mangiare

Bulimia nervosa, ecco come il cervello non può farci smettere di mangiare

Una nuova ricerca condotta da un ricercatore della Icahn School of Medicine al Mount Sinai ha rivelato un meccanismo neurale chiave alla base della sensazione di “essere incapaci di smettere di mangiare”, l’aspetto più saliente dei disturbi alimentari come la bulimia nervosa.

In particolare, il ricercatore ha individuato l’attivazione carente della corteccia prefrontale mediale e laterale (regioni cerebrali note per avere un ruolo nel controllo delle voglie, dei comportamenti e delle emozioni) durante l’inibizione della risposta specifica del mangiare nei partecipanti con bulimia nervosa rispetto ai controlli sani.

I risultati, pubblicati lo scorso 25 febbraio, forniscono prove iniziali che questa attivazione della corteccia prefrontale può contribuire direttamente a forme più gravi e fuori controllo di comportamenti alimentari disadattivi, supportando l’idea che la disfunzione della corteccia prefrontale mediale e laterale può essere un obiettivo di trattamento promettente.

Cos’è la bulimia nervosa

Ricordiamo che la bulimia nervosa è un grave disturbo psichiatrico che è associato ad alti tassi di disabilità e mortalità. Meno della metà degli adulti trattati con interventi di prima linea recuperano totalmente da tale disturbo, le cui basi neurali rimangono poco comprese, ostacolando gli sforzi per sviluppare trattamenti più efficaci.

Decenni di ricerche precedenti suggeriscono che il senso di perdita di controllo sul mangiare è la caratteristica più importante delle abbuffate che caratterizzano il disturbo. Pertanto, individuare le alterazioni cerebrali che si verificano specificamente durante i tentativi di controllare l’alimentazione potrebbe in definitiva migliorare la nostra comprensione e il trattamento mirato di questa condizione spesso cronica.

Questo studio, condotto da Laura Berner, assistente professore di psichiatria presso Icahn Mount Sinai e un ricercatore leader nel centro di eccellenza del Monte Sinai in disturbi alimentari e del peso e il centro per la psichiatria computazionale, è il primo ad esaminare l’attivazione del cervello durante i tentativi di controllare il comportamento alimentare in individui con disturbi alimentari.

La maggior parte degli studi su come ci fermiamo o ci impediamo di impegnarci in un comportamento chiedono di fatti alle persone di eseguire un compito che comporta il trattenimento delle risposte premendo un pulsante.

Tuttavia, la dottoressa Berner ha sviluppato un nuovo compito, domandando alle persone di trattenere le risposte alimentari. Utilizzando una tecnologia di imaging cerebrale portatile chiamata spettroscopia funzionale nel vicino infrarosso (fNIRS), il team di ricerca ha misurato l’attivazione delle cortecce prefrontali di 23 donne con bulimia nervosa (BN) e 23 controlli sani durante questo nuovo compito go/no-go che richiede l’inibizione delle risposte alimentari e durante un compito go/no-go standard che richiede l’inibizione delle risposte di pressione del pulsante.

I risultati

I risultati hanno così scoperto che le donne con BN hanno fatto errori su entrambi i compiti – hanno mangiato e premuto il pulsante quando non dovevano – più spesso delle donne senza un disturbo alimentare.

Insieme a tale ridotta capacità di controllare le loro risposte alimentari, i sottoinsiemi di donne con BN che hanno avuto il più grave senso di perdita di controllo sul loro mangiare nell’ultimo mese, e quelli che sentivano più fortemente che essi abbuffarsi durante il compito, sia mostrato anormalmente ridotto bilaterale ventromediale (vmPFC) e destra ventrolaterale corteccia prefrontale (vlPFC) attivazione durante il mangiare-risposta inibizione.

Allo stesso modo, nell’intero campione, una minore attivazione durante il compito di mangiare nella vlPFC destra è stata correlata a una più frequente e grave perdita di controllo del cibo, ma non sono state rilevate differenze di gruppo nell’attivazione in entrambi i compiti quando questo campione completo è stato confrontato con i controlli sani. In particolare, la diagnosi e la gravità della BN non erano correlate all’attivazione cerebrale durante l’inibizione della pressione del pulsante.

I nostri pazienti descrivono la sensazione di non riuscire a fermarsi dal prendere il prossimo morso o sorso durante gli episodi di abbuffata, ma non abbiamo capito i meccanismi neurali che potrebbero essere alla base di questa esperienza. Per la prima volta, questo metodo ci ha permesso di misurare ciò che accade nel cervello delle persone con bulimia nervosa quando cercano di inibire le loro risposte alimentari, ma non possono“, ha detto il dottor Berner. “I nostri risultati suggeriscono che i danni specifici del mangiare nell’attivazione legata al controllo inibitorio possono servire come un nuovo obiettivo per il trattamento. Infatti, abbiamo appena saputo che abbiamo ricevuto un finanziamento dalla National Eating Disorders Association per testare questa idea. Useremo il neurofeedback basato su fNIRS per addestrare le donne con bulimia nervosa ad aumentare la loro attivazione della corteccia prefrontale mentre mangiano, e testeremo come questo addestramento abbia un impatto sui sintomi“.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come leggere il movimento e la posizione dei piedi

La comunicazione non verbale è un importante insieme di indizi rilevatori dello stato d’animo proprio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.