Home / Attualità / Gli impatti della pandemia sulla salute mentale
stanchezza e frustrazione

Gli impatti della pandemia sulla salute mentale

Una nuova ricerca indica che per alcuni individui – anche quelli che hanno evitato di essere infettati dalla SARS-CoV-2 – le interruzioni della vita sociale e dello stile di vita durante la pandemia di COVID-19 possono aver innescato l’infiammazione nel cervello che può influenzare la salute mentale. Lo studio, che è stato condotto da un team guidato da ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH), è pubblicato su Brain, Behavior, and Immunity.

Oltre a causare un numero impressionante di infezioni e morti, la pandemia di COVID-19 ha portato a significative interruzioni sociali ed economiche che hanno avuto un impatto sulla vita di una larga fascia della popolazione mondiale in molteplici modi. Inoltre, dall’inizio della pandemia, la gravità e la prevalenza dei sintomi di disagio psicologico, stanchezza, nebbia cerebrale e altre condizioni sono aumentate considerevolmente anche tra le persone non infettate dalla SARS-CoV-2.

Per ottenere una migliore comprensione degli effetti della pandemia sul cervello e sulla salute mentale, i ricercatori hanno analizzato i dati di imaging cerebrale, condotto test comportamentali e raccolto campioni di sangue da più volontari non infetti – 57 prima e 15 dopo che le misure di blocco/soggiorno a casa sono state implementate per limitare la diffusione della pandemia.

Dopo i lockdown, i partecipanti allo studio hanno dimostrato elevati livelli cerebrali di due marcatori di neuroinfiammazione – proteina traslocatore (misurata utilizzando la tomografia a emissione di positroni) e myoinositol (misurato utilizzando la spettroscopia di risonanza magnetica) – rispetto ai partecipanti pre-lockdown. I livelli di sangue di due marcatori infiammatori – interleuchina-16 e monocyte chemoattractant protein-1 – erano anche elevati nei partecipanti post-lockdown, anche se in misura minore.

I partecipanti che hanno segnalato un carico maggiore di sintomi legati all’umore e alla fatica mentale e fisica hanno mostrato livelli più elevati di proteina translocator in alcune regioni del cervello, rispetto a quelli che riportano poco o nessun sintomo. Inoltre, più alti livelli di proteina translocatrice post-lockdown erano correlati all’espressione di diversi geni coinvolti nelle funzioni immunitarie.

Sebbene la ricerca COVID-19 ha visto un’esplosione nella letteratura, l’impatto delle interruzioni di società e stile di vita legate alla pandemia sulla salute del cervello tra i non infetti è rimasto sotto-esplorato“, dice l’autore principale Ludovica Brusaferri, postdoctoral research fellow presso MGH e Harvard Medical School. “Il nostro studio dimostra un esempio di come la pandemia ha avuto un impatto sulla salute umana oltre gli effetti direttamente causati dal virus stesso”.

L’autore senior Marco L. Loggia, co-direttore del Center for Integrative Pain NeuroImaging alla MGH e Harvard Medical School nota che riconoscere un ruolo della neuroinfiammazione nei sintomi sperimentati da molti durante la pandemia potrebbe indicare possibili strategie per ridurli. “Per esempio, gli interventi comportamentali o farmacologici che si pensa di ridurre l’infiammazione – come l’esercizio e alcuni farmaci – potrebbe rivelarsi utile come un mezzo per ridurre questi sintomi fastidiosi”.

Loggia aggiunge che i risultati forniscono anche un ulteriore supporto alla nozione che gli eventi stressanti potrebbero essere accompagnati da infiammazione del cervello. “Questo potrebbe avere importanti implicazioni per lo sviluppo di interventi per un ampio numero di disturbi legati allo stress”, dice.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

10 fattori che testimoniano il coraggio

Il coraggio è una dote a cui tutti ambiamo, poiché ci consente di abbattere le ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.