Home / Attualità / Calo del desiderio sessuale post-parto, come superare le difficoltà emotive

Calo del desiderio sessuale post-parto, come superare le difficoltà emotive

Diventare genitori per la prima volta è una transizione di vita molto profonda e importante, che scatena emozioni complesse.

Se infatti da un lato i neo genitori possono provare una grandissima gioia, dall’altro comporta sfide significative che possono mettere a dura prova una relazione.

In particolare, l’improvviso cambiamento di ruoli e responsabilità, unito alle esigenze di cura di un neonato, spesso porta i partner ad avere meno tempo per relazionarsi e alimentare la sfera sessuale.

Uno studio del 2021 ha proprio rilevato che uno degli effetti collaterali del diventare genitori comprende un calo del benessere sessuale della coppia. I ricercatori hanno in particolar modo scoperto che durante la gravidanza il comportamento sessuale diminuisce, soprattutto nel terzo trimestre, e le coppie perinatali sperimentano un calo del desiderio e della soddisfazione sessuale. Le coppie devono affrontare un “crollo sessuale” fino a tre mesi dopo il parto e possono riprendere completamente l’attività sessuale solo dopo sei mesi o più. Ma per quale motivo?

Perché dopo il parto le coppie fanno meno sesso

Il cambiamento fisico indotto dal parto, le fluttuazioni ormonali, la privazione del sonno e lo stress emotivo possono ridurre la libido e rendere l ‘intimità meno attraente rispetto a quanto non fosse prima.

Non solo: anche la mancanza di tempo e di privacy per l’attività sessuale e il consiglio medico di astenersi dopo il parto possono rendere le coppie diffidenti nei confronti dell’intimità sessuale.

Come superare le difficoltà emotive

Tuttavia, con pazienza, compassione e rispetto reciproco, è possibile per i partner ricostruire l’intimità mentre affrontano insieme le complessità della genitorialità.

Ecco due modi per superare la crisi sessuale post-partum come genitori alle prime armi.

Stimolare l’affetto

Uno studio pubblicato poche settimane fa sul Journal of Social and Personal Relationships ha rilevato che l’atteggiamento nei confronti del contatto ha un impatto sulle coppie nella difficile transizione alla genitorialità.

I ricercatori hanno scoperto che i comportamenti affettuosi come toccare, accarezzare e baciare tendono a diminuire da metà gravidanza a un anno dopo il parto. Gli autori suggeriscono dunque che i genitori che hanno partorito potrebbero essere “sfiniti” dalla cura del neonato o dall’allattamento al seno o che vedono il tocco affettuoso come un precursore dell’attività sessuale, per la quale potrebbero non essere pronti.

Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che quando entrambi i partner avevano un atteggiamento più positivo nei confronti del tatto, considerandolo un modo per esprimere affetto, affrontare lo stress e regolare le emozioni difficili durante la gravidanza, questo portava a una maggiore frequenza e varietà di comportamenti sessuali e affettuosi a tre mesi dal parto.

Il tocco affettuoso è un modo importante con cui i partner comunicano sostegno, disponibilità e intimità. I partner che ritengono che il tocco li aiuti a regolare le emozioni difficili potrebbero favorire un ambiente in cui i genitori gestazionali si sentano più compresi e accuditi e che, a loro volta, abbiano maggiori probabilità di mantenere comportamenti affettuosi durante la gravidanza“, spiegano i ricercatori.

È dunque fondamentale che le coppie si rivolgano l’una verso l’altra proprio nel periodo che tende ad allontanarle e che diano priorità all’intimità e alla vicinanza emotiva. Comunicare apertamente sui bisogni, i desideri e le preoccupazioni riguardanti l’intimità può favorire la comprensione e l’empatia, avvicinando le coppie.

I genitori alle prime armi possono anche incorporare un tocco più affettuoso dando la priorità a piccoli momenti di vicinanza fisica durante la giornata, come abbracci, baci e strette di mano, anche mentre si occupano del neonato.

Le coppie possono esplorare forme di intimità non sessuali, come coccole, massaggi e conversazioni significative, per mantenere il loro legame senza la pressione dell’attività sessuale. Anche programmare appuntamenti regolari o momenti di solitudine lontano dal bambino può aiutare a riaccendere il romanticismo.

Infine, cercare il sostegno di amici e familiari fidati può alleggerire il carico, permettendo alle coppie di concentrarsi sul rapporto di coppia oltre che sull’essere genitori. Un terapeuta o un consulente specializzato nelle sfide post-partum può anche fornire rassicurazioni e guidare i partner nella ricostruzione del legame sessuale, quando entrambi si sentono pronti.

Evitare la catastrofizzazione romantica

Un altro studio del 2024 ha rilevato che la catastrofizzazione romantica può influire sul benessere sessuale dei neogenitori. La catastrofizzazione romantica si riferisce alla tendenza a ingigantire o esagerare potenziali problemi o esiti negativi nelle relazioni. Si tratta di immaginare o prevedere gli scenari peggiori, spesso senza prove o giustificazioni sufficienti, provocando sentimenti di maggiore impotenza, ansia, insicurezza o insoddisfazione all’interno della relazione.

Una mentalità catastrofista può portare gli individui a percepire problemi minori come insormontabili. Si può iniziare a pensare al peggio delle azioni o delle intenzioni del partner, prevedendo il fallimento della relazione sulla base di piccoli disaccordi o preoccupandosi costantemente di un potenziale tradimento o di un colpo di fulmine.

I genitori che si affacciano per la prima volta alla vita di coppia sono di solito sottoposti a un numero maggiore di conflitti relazionali durante il periodo perinatale e le loro risposte a questi momenti sono fondamentali per il benessere della relazione.

I ricercatori hanno scoperto che se uno dei due partner risponde ai conflitti interpersonali con la catastrofizzazione romantica, può ingigantire le sfide della relazione, come le difficoltà sessuali. Hanno scoperto che una maggiore catastrofizzazione della relazione era, a sua volta, associata a un maggiore disagio sessuale e a livelli più bassi di soddisfazione e desiderio sessuale.

Uno studio del 2024 ha inoltre rilevato che i sentimenti di calore e vicinanza diminuiscono quando un partner ricorda i conflitti relazionali, soprattutto quando questi sono considerati personalmente significativi e i partner si sono affidati all’autodistrazione per regolare le proprie emozioni durante il conflitto.

Al contrario, la soddisfazione sessuale è spesso ravvivata quando i partner percepiscono livelli inferiori di stress reciproco. Le ricerche dimostrano che la capacità di una coppia di affrontare efficacemente lo stress insieme è associata a livelli più elevati di soddisfazione relazionale e sessuale, evidenziando l’importanza di lavorare insieme come una squadra per nutrire la relazione.

Ecco alcuni modi per disimparare la catastrofizzazione romantica.

  • Sfidare i pensieri. Sfidate i pensieri negativi mettendo in dubbio la loro validità e considerando prospettive alternative.
  • Stabilire aspettative realistiche. Capire che i cambiamenti nella frequenza e nel desiderio sessuale sono comuni durante il periodo perinatale può alleviare la pressione e ridurre l’ansia che la relazione stia fallendo.
  • Praticare la consapevolezza. Rimanere presenti nel momento può aiutare a prevenire la ruminazione sugli scenari peggiori e aiutare le coppie a rallentare abbastanza per elaborare le emozioni.
  • Concentrarsi sull’amore. Ricordare gli aspetti positivi della relazione e ciò che è andato bene può contrastare la catastrofizzazione.
  • Cercare un supporto professionale. I professionisti della salute mentale possono fornire strumenti preziosi per gestire i pensieri ansiosi, lo stress relazionale e promuovere dinamiche relazionali più sane.

Nel vortice del diventare genitori per la prima volta, è fondamentale ricordare che nutrire la propria relazione è essenziale quanto prendersi cura del neonato. È indispensabile concedere all’altro il tempo e lo spazio per guarire e adattarsi dopo il parto, senza alcuna pressione a riprendere prematuramente l’attività sessuale. Con il tempo e gli sforzi intenzionali per riallacciare i rapporti, i neo-genitori possono affrontare il periodo post-parto con maggiore resilienza e preservare meglio il loro legame.

About Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Le amicizie da adolescenti ci preparano alla genitorialità

Le amicizie tra adolescenti sono divertenti, emozionanti e, a volte, si trasformano in relazioni che ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *