Home / Attualità / Cambiamento climatico: ecco perché non ci impegniamo abbastanza

Cambiamento climatico: ecco perché non ci impegniamo abbastanza

Quando si tratta di approcciare a un comportamento più rispettoso del clima, c’è spesso un divario tra ciò che vogliamo e ciò che effettivamente facciamo. Anche se la maggior parte delle persone vuole vedere il cambiamento climatico procedere sempre più lentamente, molti non si comportano in modo adeguatamente sostenibile.

Ebbene, i ricercatori dell’Università di Berna hanno ora utilizzato la stimolazione cerebrale per dimostrare che la capacità di simpatizzare con le future vittime del cambiamento climatico incoraggia un comportamento sostenibile.

Il cambiamento climatico globale potrebbe essere la più grande sfida affrontata dall’umanità nell’epoca contemporanea. Nonostante decenni di avvertimenti e risoluzioni politiche, tuttavia, la sostenibilità rimane molto lontana dall’essere raggiunta. “Il fatto che le persone non agiscano in modo più rispettoso del clima non è dovuto al fatto che sappiamo troppo poco di questa situazione critica“, spiega Daria Knoch, professoressa di neuroscienze sociali all’Università di Berna. Per scoprire di più sulle ragioni che ci impediscono di agire in modo sostenibile, Daria Knoch e il suo team hanno condotto uno studio neuroscientifico. I risultati sono stati appena pubblicati sulla rivista internazionale Cortex.

Sebbene alcuni effetti del riscaldamento globale sono già visibili oggi, quelli colpiti più fortemente saranno le persone in futuro, che non conosciamo. “È proprio la nostra incapacità di mentalizzare con questi estranei che scoraggia l’azione più rispettosa sul clima“, dice Daria Knoch, commentando i risultati del nuovo studio che ha condotto con il suo gruppo di ricerca nel “Social Neuro Lab” dell’Università di Berna. Durante lo studio, i partecipanti hanno ricevuto la stimolazione di una parte del loro cervello che svolge un ruolo importante per prendere la prospettiva degli altri. Questa stimolazione ha portato a un comportamento più sostenibile.

Durante l’esperimento, in particolare, partecipanti in gruppi di quattro hanno prelevato denaro reale da un pool condiviso. Ogni partecipante ha deciso da solo: più soldi ha prelevato dal pool, più ne aveva in tasca. Tuttavia, se il gruppo di quattro ritirava complessivamente troppo denaro, questo aveva conseguenze per il gruppo successivo: il pagamento che riceveva era molto più basso. Così, l’esperimento ha imitato una situazione reale in cui l’uso eccessivo di una risorsa ha conseguenze negative per altre persone in futuro.

Mentre si decideva la quantità di denaro da ritirare, alcuni partecipanti hanno ricevuto una stimolazione cerebrale (gruppo sperimentale): una corrente elettrica non invasiva, innocua e leggera è stata applicata al cranio per aumentare la funzione dell’area cerebrale stimolata. I ricercatori di Berna hanno stimolato un’area che svolge un forte ruolo nel prendere la prospettiva degli altri, e hanno scoperto che ha avuto un impatto notevole: gli individui stimolati hanno preso decisioni più sostenibili rispetto ai partecipanti senza la stimolazione (gruppo di controllo), decidendo di non ritirare una quantità eccessiva di denaro dalla piscina.

Applicare la stimolazione cerebrale al grande pubblico è fuori questione, naturalmente“, spiega Benedikt Langenbach, autore principale dello studio ed ex studente di dottorato al Social Neuro Lab. Tuttavia, secondo i ricercatori, l’area cerebrale funzionante in questione può anche essere migliorata, per esempio, attraverso il neurofeedback e la meditazione. Secondo Benedikt Langenbach, che ora lavora all’Università di Duisburg-Essen, sono disponibili anche ulteriori strategie per migliorare la formazione delle prospettive: “Sappiamo che le persone hanno maggiori probabilità di empatizzare con qualcuno – una vittima del cambiamento climatico, per esempio – se sono in grado di identificarsi con loro” – ha detto, per poi aggiungere che “le nostre scoperte neuroscientifiche possono quindi aiutare a rendere la comunicazione sulla crisi climatica più efficace, per esempio dando alle persone colpite un nome e un volto invece di parlare di un’anonima ‘generazione futura’”.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Come leggere il movimento e la posizione dei piedi

La comunicazione non verbale è un importante insieme di indizi rilevatori dello stato d’animo proprio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.