Home / Attualità / 5 modi per ritrovare la felicità quando stai male

5 modi per ritrovare la felicità quando stai male

Respingere il dolore può portare a raddoppiare i problemi, ma arriva un momento in cui bisogna evitare di arrabbiarsi per riuscire a diventare più resilienti e di conseguenza più felici. C’è un modo per riuscire a minimizzare il dolore emotivo, cercando aspetti positivi o e attraverso alcune attività che offrono la possibilità di uscire dalla depressione, dall’ansia e dall’infelicità. Ecco cinque suggerimenti per uscire dal dolore e ritrovare man mano il giusto grado di felicità.

Riconosci il dolore emotivo e non combatterlo

Il dolore emotivo non può essere cancellato da un momento all’altro. Come quando ti fai male e devi aspettare il giusto periodo di guarigione al contempo devi attendere per la cura di una ferita. Infatti, le cose superficiali, le distrazioni non cambiano il fatto che tu stia provando dolore. Riconosciuto che stai avvertendo un forte senso di malessere e di infelicità lo scopo diventa chiaro cercare man mano di superarlo e guarirlo, senza negare la realtà o te stesso.

Accetta il dolore

Una volta riconosciuto il dolore che stai provando devi accettarlo. Se provi a rifiutare questa sensazione non potrai che ingigantire quel dolore che avverti nel profondo, perché sentirai sempre che c’è qualcosa che non va come dovrebbe. Molte persone non sanno perché sono così tristi e infelici, spesso è dovuto all’essere disonesti con sé stessi, non riconoscendo i motivi per i quali non si sta bene ma ci si sente tristi oppure feriti per qualcosa della propria vita.

Scopri il motivo per cui stai male per guarire veramente

Per riuscire a non evitare il dolore, ma soprattutto affrontarlo e nel tempo riuscire a guarire devi anche cercare di scoprire il motivo per il quale stai male. Meno sai di cosa causa la tua infelicità meno sono le possibilità di riuscire a guarirla. Questo vuol dire che è essenziale diventare consapevoli di sé per poter contrastare il dolore e ritrovare il giusto stato di serenità. Quindi prenditi del tempo e presta attenzione a quello che senti nel tuo corpo, prenditi del tempo per consolidare i pensieri e siediti con i tuoi sentimenti. Osservando le tue azioni e le tue esperienze potrai capire cosa ti causa dolore e perché rispondi a questo con un specifico comportamento.

L’importanza dell’empatia e della compassione verso te stesso

Molto importante è essere empatico e compassionevole verso te stesso. Man mano che conosci te stesso è necessario osservarti mediante una prospettiva premurosa e comprensiva, guardando a te come faresti con un’altra persona amica oppure con un bambino. Questo modo di riuscire a relazionarsi con sé stessi prende il nome di autocoscienza compassionevole.

L’autocoscienza compassionevole ti permette di riconoscere il dolore e poi di alleviarlo. Questo comportamento di empatia e compassione verso te stesso ti permette di fare il necessario per riuscire a superare tutte le difficoltà che ti portano a soffrire e non comprendere quale sia il motivo del tuo dolore. Non solo, grazie al giusto grado di empatia hai la possibilità di cambiare una situazione complessa avvertendo più facilmente se puoi cambiare o meno la situazione, permettendoti così di accettare quello che succede.

Prenderti una tregua

Dopo aver: riconosciuto, accettato ed essere entrato in empatia con il tuo dolore devi anche prenderti una tregua. Infatti, accettare il dolore è un passo importante ma anche evitare di cedere sotto il peso delle emozioni dolorose e dei pensieri negativi è altrettanto essenziale. Cerca di fare una pausa e di consolarti, di capire che hai la capacità di riprenderti e di evitare di scendere sempre più verso il basso. Sfoga il tuo dolore ma al contempo impegnati in attività che ti permettano di svagare la testa e di riassaporare dei barlumi di felicità.

Infatti, anche mentre stai soffrendo c’è bisogno di tenere a mente e salda una piccola fonte dalla quale tingere un po’ di felicità e spensieratezza. Per essere veramente felice devi accettare la persona che sei, amarti e comprendere sia i momenti dolorosi sia quelli più piacevoli. Avvicinandoti a te stesso con consapevolezza scoprirai un maggior senso di benessere e sarai in grado di capire più facilmente cosa ti rende felice.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come leggere il movimento e la posizione dei piedi

La comunicazione non verbale è un importante insieme di indizi rilevatori dello stato d’animo proprio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.