Home / Attualità / Come è cambiata e funziona l’empatia nel mondo virtuale
empatia e social network

Come è cambiata e funziona l’empatia nel mondo virtuale

L’empatia è un sentimento molto complesso, in quanto grazie ad essa riusciamo a metterci nei panni degli altri provando sulla nostra pelle le loro emozioni e sensazioni.

Ma è possibile scovare atteggiamenti empatici anche nel mondo virtuale? Scopriamolo in questo articolo.

L’era informatica nel 2020

La recente pandemia ha fatto sì che le relazioni umane si interrompessero bruscamente, costringendo le persone ad utilizzare i dispositivi virtuali per comunicare con amici e parenti.

Anche il lavoro e la scuola hanno sfruttato i mezzi offerti dall’informatica per continuare il proprio lavoro, che altrimenti nella maggior parte dei casi non avrebbe potuto essere svolto.

Il tempo dedicato al mondo virtuale è aumentato e sicuramente continuerà a mantenere questi standard anche quando la situazione sanitaria sarà ripristinata.

Ovviamente bisogna prendere in considerazione il fatto che tutto questo avrà dei costi sulle relazioni interpersonali, in quanto anche queste si svolgono per la maggior parte del tempo online.

È importante che in questo senso venga a manifestarsi l’empatia nonostante sia presente uno schermo tra le persone, poiché è molto alta la possibilità di perdere tutte quelle sfumature che mettono in relazione i diversi individui.

Come possiamo riprodurre tutti quei comportamenti della vita reale quando dobbiamo ritagliarci dei momenti online da condividere con i propri cari?

Dedicati alla costruzione di un contesto virtuale

Ecco una serie di suggerimenti che ti permetterà di costruire un sistema virtuale con il quale  mantenere un discreto livello di empatia tra le parti.

  • Organizza delle piccole riunioni: meno persone si incontrano online e più sarà facile gestire la situazione, facendo sì che ognuno possa esprimere le proprie opinioni e ottenere il supporto di tutti gli altri.
  • Condividi le tue esperienze: se ti aprirai con le altre persone raccontando alcuni episodi della tua vita esse si apriranno a loro volta con te. In questo modo si instaurerà un clima di fiducia tra le parti e tutti si sentiranno parte di una grande famiglia.
  • Fai brevi telefonate: quando non si ha la necessità di incontrarsi virtualmente è importante mantenere i rapporti affinché questi non vadano persi. Un ottimo modo consiste nel ricorrere a delle brevi telefonate, che servono a far capire agli altri che si ha un piccolo pensiero per loro.
  • Non focalizzarti sugli aspetti virtuali: ora incontrarsi virtualmente è una necessità ma questa situazione prima o poi finirà, e quindi bisogna prendere degli accorgimenti in modo che quando ci si potrà ritrovare faccia a faccia il rapporto costruito non andrà perso.

Sfrutta il processo creativo per ottenere empatia nel mondo virtuale

La creatività ti permetterà di sorvolare ogni ostacolo e ti riserverà moltissime sorprese anche in questo caso.

La comunicazione virtuale può essere molto difficile da gestire, in quanto come abbiamo detto, vengono a mancare molte delle dinamiche che rendono il contesto empatico più umano. Pensiamo per esempio quando durante una riunione di lavoro che si svolge virtualmente viene interrotta dall’arrivo d un bambino che cerca la sua mamma e il suo papà.

Si tratta di una variante che in altri contesti non si verificherebbe mai, ma che in questo scenario non potrà fare a meno che strappare un sorriso a tutti i partecipanti.

Utilizzare delle risorse creative può di abbattere i muri istituiti dalla lontananza e dalla mancanza del contatto. Ritagliati dei momenti per parlare delle tue passioni e dei tuoi hobby con le persone con cui intrattieni dei rapporti virtuali ogni giorno.

Organizzate inoltre dei momenti per dedicarvi ad altri aspetti della vita poiché tutto ciò contribuirà a fondare la comunicazione tra empatia e rispetto reciproco.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

La tua relazione ti blocca? È ora di lasciarla andare

Ecco come rimaniamo bloccati in relazioni stagnanti che non ci permettono di esprimere la nostra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *