Home / Attualità / Come fare per abbandonare la propria comfort zone e quali vantaggi comporta?

Come fare per abbandonare la propria comfort zone e quali vantaggi comporta?

Molte volte la propria personalità viene nascosta e camuffata da comportamenti che non sono tipici della persona che li mette in atto.

Ciò avviene soprattutto in tutte quelle casi in cui non ci sentiamo all’altezza delle situazioni oppure quando pensiamo che le nostre opinioni non possano essere accettate dagli altri.

Tutti questo però è sbagliato, poiché ognuno di noi è il frutto di esperienza ed avvenimenti che hanno contribuito a forgiare un carattere ed un personalità che non vanno assolutamente nascoste.

Convivere con un segreto

Nascondere un segreto a lungo non porta ad avere influssi positivi sulla propria psiche, in quanto con il passare del tempo potrebbero subentrare dei comportamenti che potrebbero contraddire i valori più intimi di una persona.

Ovviamente il grado di disagio varia in base all’argomento di cui si sta trattando, in qua to esistono tematiche diverse che prevedono varie reazioni, ma in questo caso non conta la questione in quanto tale, ma il modo in cui viene gestita ed affrontata.

Quando si manifestano delle contradizioni così intense subentrano altri fattori in grado di riversare effetti negativi sulla propria psiche, come ad esempio disagio, stress ed ansia.

Per non parlare di quando pur di non sentirsi emarginati si arriva a sposare un’affermazione completamente discordante con le proprie convinzioni.

Cosa c’è in gioco?

La posta in gioco è davvero molto alta.

Normalmente non si dovrebbe aver paura di mostrare agli latrine proprie diversità è bisognerebbe essere in grado di emergere per le proprie caratteristiche senza giudicare il prossimo e senza aver paura di esprimere la propria opinione.

Quando si sceglie se aderire o meno ad una determinata iniziativa, non ci sofferma esclusivamente su questa ma si vanno ad approfondire altre tematiche che possono influire sul raggiungimento del risultato stesso.

Se ad esempio si deve votare e scegliere un rappresentante non ci si limiterà a condividere le ideologie ma si andranno a compiere indagini sui suoi sostenitori, in modo da scoprire gli argomenti di grande impatto che meritano di essere accettati e condivisi.

Se ad esempio, il rappresentante si rivela essere razzista, si innescherà un meccanismo che farà sì che la maggior parte degli individui arrivino a definirlo anche omofobo e misogino, anche se non ci sono elementi sufficienti per stabilirlo.

Automaticamente tutti si sentiranno autorizzati a non votare questa persona non perché essa non rispecchi le proprie convinzioni, ma perché tutti fanno così e si protende alla massificazione sociale.

Tutto questo porta all’annullamento delle proprie opinioni per paura di subire una ripercussione sociale, in  quanto si teme di attirare il malcontento su se stessi.

Essere autentici fa bene alla salute

Essere autentici con se stessi e gli altri è il giorno modo per celebrare la propria interiorità.

Per far sì che ciò avvenga bisogna mettere in atto un processo che si basa su quattro elementi fondamentali, ovvero la consapevolezza, l’orientamento relazionale, l’elaborazione imparziale ed il comportamento.

Basando il proprio pensiero su questi parametri è possibile godere di una serie innumerevole di vantaggi oltre alla consapevolezza di riuscire a considerare tutto con franchezza ed onestà.

Perché nascondere la propria identità?

Ecco alcuni atteggiamenti che potrebbero indicare che stai nascondendo la tua vera personalità:

  • hai paura di abbandonare la tua zona di comfort;
  • inventi scuse per apparire diverso agli occhi degli altri;
  • ti senti realizzato se raggiungi obiettivi socialmente condivisi;
  • agisci senza considerare i veri pensieri ed il tuo punto di vista.

Tutto ciò avviene per paura di essere aggrediti o non essere all’altezza della situazione o ancora per pausa di essere giudicati in maniera negativa e fare una brutta figura.

Fingere di essere una brutta persona può comportare influssi negativi a livello psichico, fisico e mentale.

A lungo andare potrebbero manifestarsi importanti episodi di: ansia, stress e nervosismo, bassi livelli di autostima, senso di vergogna, depressione e dolori fisici come problemi alla mascella, ai denti, mal di testa e mal di schiena.

Come fare per vivere più autenticamente?

Poter vivere essendo se stessi comporta un alto livello di integrità fisica e mentale.

Ecco come fare per vivere, cercando di non sopprimere la propria identità:

  • prendi consapevolezza di te stesso;
  • accetta i tuoi pensieri ed esponi la tua vulnerabilità;
  • analizza a fondo il tuo stato di animo ed esamina le tue convinzioni;
  • coltiva il tuo coraggio e prova a non temere le dichiarazioni impopolari;
  • prenditi cura di te stesso.

Intraprendere questo percorso ti porterà a guadagnare sicurezza e ti porterà ad esprimere i tuoi sentimenti con facilità.

Ovviamente è un procedimento molto lungo che richiede tempo per funzionare, ma con piccoli sforzi porterà ai suoi frutti.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

La sfida della disintossicazione digitale

L’avvento della tecnologia ha fatto sì che ognuno di noi trascorra gran parte del suo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *