Home / Attualità / Come la meditazione può migliorare lo stato mentale dopo il Covid-19

Come la meditazione può migliorare lo stato mentale dopo il Covid-19

Nuovi studi hanno riscontrato che la meditazione psicologica può  annullare ogni tipo di conseguenza negativa che la salute mentale ha sviluppato durante la pandemia scaturita dal Coronavirus.

In che modo il Covid-19 ha influito sulla salute mentale delle persone

La pandemia di COVID-19 è stata una doccia fredda che si è abbattuta sul genere umano in pochissimo tempo, e che ha completamente modificato il modo di vivere a cui eravamo abituati, soprattutto per quanto riguarda l’ allontanamento sociale.

A questo proposito è davvero importante trovare dei metodi con i quali gestire stress ed ansia, soprattutto in merito alla chiusura di molti servizi sociali e sanitari che durante questa emergenza sono stati chiusi o si sono rivelati molto carenti.

Questo studio è iniziato a febbraio del 2020 e ha come obiettivo quello di migliorare il benessere degli insegnanti italiani, evitando l’ insorgenza di fenomeno come il burnout.

Lo svolgimento dell’esperimento

Per poter effettuare questo studio sono stati presi in esame 58 insegnanti con un età di circa 50 anni, ai quali è stato riservato un programma di formazione della durata di 8 settimane.

In questi due mesi vennero promossi molti insegnamenti relativi alla meditazione, e vennero intraprese delle discussioni di gruppo con delle attività di meditazione da ripetere a casa.

Molti di questi momenti sono stati somministrati tramite delle video lezioni che hanno comportato la possibilità di effettuare delle valutazioni psicologiche in grado di valutare eventuali cambiamenti.

L’esperimento ha rivelato che gli insegnanti hanno avuto dei benefici soprattutto per quanto riguarda il benessere psicologico, poiché hanno avuto modo di rafforzare tutti gli stimoli provenienti dall’ ambiente, sperimentare sulla propria pelle l’empatia ed evitare che danni molto pesanti come il burnout potessero abbattersi sul proprio controllo emotivo.

Questi risultati devono essere incoraggiati poiché si sono rivelati molto validi e poiché questo tipo di intervento potrebbe essere promosso in tutti gli altri settori, soprattutto in quelli che sono stati colpiti duramente da questa epidemia.

In che modo questo studio può aiutare le persone a gestire l’isolamento sociale?

Secondo quanto dichiarato dai ricercatori, questo studio è molto importante in quanto mostra come i vari interventi effettuati e la consapevolezza di questi sostegni, possano contenere le conseguenze di una crisi della salute pubblica, anche qualora questi insegnamenti debbano essere somministrati a distanza o tramite dei contenuti virtuali.

In questo esperimento ogni traguardo positivo è stato possibile per via della consapevolezza, in quanto non è stato possibile organizzare un gruppo di controllo.

Il miglioramento del benessere psicologico è stato raggiunto efficacemente, anche se non vi sono state delle situazioni che abbiano permesso di analizzare questa situazione con dei riferimenti al passato.

In ogni caso, se tutto ciò può aiutare a gestire dei fenomeni che in qualche modo potrebbero arrivare a ridurre le prestazioni di un individuo impedendone la piena espansione delle potenzialità, e molto utile che ogni azione venga attuata in maniera consapevole, in modo che tutte le difficoltà e le barriere create dall’isolamento sociale possono essere superate con successo.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

La tua relazione ti blocca? È ora di lasciarla andare

Ecco come rimaniamo bloccati in relazioni stagnanti che non ci permettono di esprimere la nostra ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *