Home / Attualità / Come porre fine al controllo eccessivo a opera di genitori ansiosi
genitori ansiosi

Come porre fine al controllo eccessivo a opera di genitori ansiosi

Attuare un controllo genitoriale oppressivo potrebbe avere dei risvolti negativi sul futuro di tuo figlio. Questo perché questo comportamento va ad incidere gravemente lo sviluppo infantile, a causa dell’enorme pressione sociale che i genitori avvertono verso se stessi.

Tutto questo peggiora quando i genitori sono ansiosi, in quanto tendono a vigilare più del dovuto al fine di evidenziare ogni pericolo e saper sormontare ogni ostacolo.

Per queste persone la cautela non è mai troppa, ed è importante che loro figlio sia sempre al riparo da eventuali imprevisti ed incidenti.

Attuare questi comportamenti può però causare la tempesta perfetta, in quanto nonostante i genitori siano le figure più importanti per un bambino, il loro controllo potrebbe diventare perfino ossessivo.

Sei un genitore ansioso e vuoi trovare un metodo per gestire il tuo comportamento fuori controllo? Ecco alcune strategie che ti permetteranno di raggiungere questo scopo senza particolari difficoltà.

Cerca di non essere un genitore opprimente

Quando si vive in un particolare stato ansioso è utile affidarsi a degli psicologi che possano intervenire al fine di attuare un’inversione di tendenza. Se per esempio una persona tenta di evitare alcuni cibi, la cura potrebbe consistere nell’assaggiarli. 

Sei curioso di sapere cosa potrebbe accadere qualora i tuoi comportamenti non avessero più origine ansiosa? Per saperlo non devi far altro che lasciarti guidare dalla tranquillità.

Circondati di modelli poco ansiosi

Essere genitori ossessivi è molto diffuso soprattutto nelle culture occidentali, in quanto è proprio in questi contesti che possono verificarsi con più frequenza gli incidenti quotidiani.

Anche se può non risultare facile, è bene circondarsi di persone che, invece, non sono ansiose come te. Questo ti permetterà di esaminare la situazione da un altro punto di vista e far sì che i tuoi figli possano interagire con gli altri e costruire delle sane amicizie

Tu potrai trarre insegnamento dai loro atteggiamenti al fine di correggere i tuoi sbagli.

Focalizzati su ciò che eri prima di diventare un genitore

Ovviamente anche tu, come tutti, hai un passato in cui non avevi figli, dove le tue giornate erano improntate al tuo senso di indipendenza.

Sicuramente in quella fase della tua vita non eri così ansioso e onnipresente. Focalizzati inoltre sul controllo che i tuoi genitori esercitavano su di te e su come ti sentivi nel caso in cui questi erano troppo opprimenti.

Affronta le tue paure più grandi

È importante capire qual è la tua paura più grande nel tuo essere genitore. Se hai paura che qualcosa possa capitare al tuo bambino, cerca di spostare la tua attenzione su quello che puoi fare per evitare queste catastrofi.

Devi cercare un modo per parlare con te stesso e capire ciò che può essere inteso come una disgrazia e ciò che rientra nella categoria degli imprevisti leggeri.

Cerca di capire quali sono i tuoi valori

La cosa più importante che potrai fare verso te stesso e capire quali altri valori possiedi che vadano a differenziarsi dalla tua qualità di genitore. Potrai quindi far leva su tutte quelle qualità che ti permettono di essere un’ottima persona, senza sfogare in maniera eccessiva il tuo controllo su tutti gli altri.

Evidenziare i punti di forza che non hanno a che fare con l’essere un genitore opprimente

Questo concetto può essere riassunto nella capacità di valutare le prove che ognuno di noi affronta nella propria giornata. Questo ti permetterà di valutare le capacità di tuo figlio e capire come questo riesce ad approcciarsi con il mondo esterno.

Evidenziare le abilità che possono essere correlate all’eccessiva genitorialità

Se riuscirai a identificare i comportamenti che ti rendono un genitore opprimente, sarà più facile sostituirli con quelli che invece ti rendono un buon genitore.

Cerca dunque di capire quale sarà la tua risposta ai diversi comportamenti di tuo figlio, al fine di offrirgli un valido supporto in ogni momento.

Se seguirai questi piccoli consigli, l vedrai che, con il tempo, il tuo controllo rigoroso si ammorbidirà e tu riuscirai ad instaurare un perfetto legame di fiducia con il tuo piccolo.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

I cervelli di un uomo e una donna sono diversi?

I ricercatori del Caltech hanno scoperto che alcuni rari tipi di cellule cerebrali sono unici ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.