Home / Attualità / Come si possono aiutare i bambini a creare rapporti d’amicizia

Come si possono aiutare i bambini a creare rapporti d’amicizia

I bambini nel corso della loro crescita hanno bisogno di rapportarsi con i loro coetanei e creare dei rapporti di amicizia che lo rendano più felice. I bambini, di solito, sono in grado di rapportarsi con i loro coetanei, infatti, i piccoli non hanno le sovrastrutture mentali, come quelle degli adulti, che lo portano a fermarsi nel rivolgere o scambiare una parola con altri bambini. 

Quindi il bambino è in grado di rapportarsi agli altri intorno a lui, sentendolo immediatamente come un’amico. Naturalmente, in età infantile, ad esempio durante l’asilo, non sono in grado di creare delle amicizie stabili e solide, in quanto è un processo complesso e faticoso per loro. Processo che però può essere incoraggiato e insegnato dai genitori. 

L’inizio dei rapporti relazionali a scuola

I bambini iniziano a instaurare delle vere e proprie relazioni con i loro coetanei quando iniziano la scuola elementare. In questo periodo, i piccoli decidono in modo autonomo e consapevole di condividere i loro momenti liberi, la loro gioia o tristezza con coloro che gli stanno più a genio.

In questa fase è fondamentale che i genitori incoraggino i bambini a intrattenere delle relazioni sociali. Questo si può fare invitando a casa i propri compagni di classe, organizzando uscite di gruppo, organizzando gite, facendo da collante tra le loro conoscenze e i loro figli.

Sempre in questo momento, è importante che i genitori insegnino ai bambini che la qualità di un’amicizia valga più del numero degli amici che si hanno, e che l’amicizia si coltiva ogni giorno.

I genitori devono interferire con le amicizie dei loro figli?

I genitori hanno un ruolo molto importante nella costruzione dei rapporti d’amicizia dei loro bambini. Ma devono tenere a mente sempre due cose: aiutare i piccoli a relazionarsi non significa che bisogna sostituirsi a loro; bisogna spingerlo a costruire rapporti sociali ma rispettando le naturali inclinazioni e desideri del bambino. 

I genitori devono controllare che il proprio bambino non venga schiacciato dalla personalità dell’altro purché sia abbastanza capace, mantenendo una propria autonomia d’azione e di pensiero. Questo è fondamentale durante l’adolescenza. I bambini sin da quando sono piccoli hanno sviluppato un’autonomia nel loro comportamento e una sicurezza nel campo relazionale, che li porterà a decidere da soli su quali siano le modalità di comportamento da adottare. In questo modo difficilmente durante l’adolescenza si faranno “traviare” dalle cosiddette “cattive compagnie”.

Le relazioni dei bambini e l’influenza della tecnologia

Durante il periodo della scuola elementare i bambini non dovrebbero utilizzare alcun supporto per la creazione e il mantenimento di relazioni con i loro amici. I genitori che verso i 9 anni chiedono il cellulare per mantenersi in contatto con i loro amici non devono essere assecondati. Almeno fino alla fine delle elementari. Successivamente dalle medie, però, si potrà decidere di dargli uno smartphone per comunicare anche con i loro amici. Anche perché arrivata l’adolescenza sarebbe inutile impedirglielo. Naturalmente, prima di dargli uno smartphone è consigliabile educarlo all’uso della tecnologia e dei social network, per evitare che usino questi strumenti in modo errato.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

OMS: aumentano i problemi di benessere mentale per gli adolescenti

Secondo quanto emerso dal rapporto dell’OMS gli adolescenti sarebbero più soggetti a soffrire di problemi ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *