Home / Attualità / Cosa succede al nostro cervello quando proviamo ansia?
ansia adolescienziale

Cosa succede al nostro cervello quando proviamo ansia?

Immagina di trovarti in un bel prato a raccogliere fiori. Immagina anche di sapere che alcuni fiori sono sicuri, mentre altri celano in realtà un’ape pronta a pungere. Come reagiresti a questo ambiente e, soprattutto, come reagirebbe il tuo cervello?

È questa la scena in un ambiente di realtà virtuale utilizzata dai ricercatori per capire l’impatto che l’ansia ha sul cervello e come le regioni del cervello interagiscono tra loro per modellare il comportamento.

I risultati ci dicono che i disturbi d’ansia potrebbero essere più di una mancanza di consapevolezza dell’ambiente o di ignoranza della sicurezza, ma piuttosto che gli individui che soffrono di un disturbo d’ansia non possono controllare i loro sentimenti e comportamenti anche se volessero“, ha detto Benjamin Suarez-Jimenez, del Del Monte Institute for Neuroscience presso l’Università di Rochester e primo autore dello studio pubblicato su Communications Biology. “I pazienti con un disturbo d’ansia potevano razionalmente dire – sono in uno spazio sicuro – ma abbiamo scoperto che il loro cervello si comportava come se non lo fosse“.

Osservare l’ansia nel cervello

Usando la risonanza magnetica, i ricercatori hanno osservato l’attività cerebrale di volontari con ansia generale e sociale mentre usavano un gioco di realtà virtuale di raccolta dei fiori. Metà del prato aveva fiori senza api, l’altra metà aveva fiori con api che li avrebbero punto – come simulato da una lieve stimolazione elettrica alla mano. I ricercatori hanno scoperto che tutti i partecipanti allo studio erano in grado di distinguere tra le aree sicure e pericolose. Tuttavia, le scansioni cerebrali hanno rivelato che i volontari con ansia avevano aumentato l’attivazione dell’insula e della corteccia prefrontale dorsomediale – indicando che il loro cervello stava associando una zona sicura conosciuta al pericolo o alla minaccia.

Questa è la prima volta che abbiamo guardato all’apprendimento della discriminazione in questo modo. Sappiamo quali aree cerebrali guardare, ma questa è la prima volta che mostriamo questo concerto di attività in un ambiente così complesso, simile al mondo reale“, ha detto Suarez-Jimenez. “Questi risultati indicano la necessità di trattamenti che si concentrano su come aiutare i pazienti a riprendere il controllo del loro corpo“.

Le differenze cerebrali erano le uniche differenze viste in questi pazienti. Per esempio, le risposte del sudore, un elemento rivelatore dell’ansia, che è stato misurato, non è riuscito a rivelare alcuna differenza particolarmente palese.

I meccanismi neurali e i prossimi passi

Comprendere i meccanismi neurali con cui il cervello impara a conoscere l’ambiente è il fulcro della ricerca di Suarez-Jimenez, in particolare come il cervello predice ciò che è minaccioso e ciò che è sicuro. Usando ambienti di realtà virtuale è dunque possibile studiare le firme neurali dei disturbi d’ansia e del disturbo da stress post-traumatico. Il suo obiettivo è capire come le persone costruiscono mappe nel cervello che si basano sull’esperienza, e il ruolo di queste mappe nelle psicopatologie dello stress e dell’ansia.

Per i prossimi passi di questa recente ricerca, abbiamo ancora bisogno di chiarire se ciò che abbiamo trovato nel cervello di questi pazienti è anche il caso in altri disturbi, come il PTSD. Capire le differenze e le somiglianze tra i disturbi caratterizzati da deficit nella regolazione del comportamento e dei sentimenti in ambienti sicuri, può aiutarci a creare migliori opzioni di trattamento personalizzate” – ha aggiunto il ricercatore.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

motivazione

L’importanza della routine nel perseguimento dei tuoi obiettivi 

Scopriamo insieme in che modo essere abitudinari può migliorare la qualità della tua vita aiutandoti ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *