Home / Attualità / Deficit o controllo dell’attenzione, nuovo studio fa luce sulle caratteristiche

Deficit o controllo dell’attenzione, nuovo studio fa luce sulle caratteristiche

Il controllo dell’attenzione di cui gli organismi hanno bisogno per raggiungere i loro obiettivi deriva da due capacità: da una parte l’attenzione per ignorare le distrazioni e dall’altra parte la disciplina per frenare gli impulsi. Ebbene, un nuovo studio dei neuroscienziati del MIT dimostra che queste abilità sono indipendenti, ma che l’attività dei neuroni produttori di norepinefrina in una singola regione cerebrale, il locus coeruleus, controlla entrambe mirando a due aree distinte della corteccia prefrontale.

I nostri risultati dimostrano un ruolo causale fondamentale dell’attivazione neuronale LC nell’implementazione del controllo attenzionale attraverso la modulazione selettiva dell’attività neurale nelle aree target“, hanno scritto gli autori dello studio del gruppo di ricerca di Susumu Tonegawa, professore di Biologia e Neuroscienze di Picower presso il Laboratorio di Genetica dei Circuiti Neurali del RIKEN-MIT presso il Picower Institute for Learning and Memory e l’Howard Hughes Medical Institute.

Studi farmacologici e studi sulle lesioni del controllo attenzionale nell’uomo e in altri mammiferi hanno suggerito che i neuroni che producono norepinefrina, o noradrenergici, nella LC potrebbero avere questo ruolo, ma l’evidenza più convincente è stata correlativa piuttosto che causale, ha detto l’autore principale dello studio Andrea Bari, uno scienziato ricercatore del laboratorio Tonegawa. Nel nuovo studio del Proceedings of the National Academy of Sciences, il team ha dimostrato una chiara causalità utilizzando l’optogenetica per controllare specificamente i neuroni noradrenergici della LC nei topi con precisione temporale e spaziale come i roditori impegnati in tre compiti di controllo attenzionale. Le manipolazioni hanno avuto un impatto immediato e affidabile sulle prestazioni dei roditori.

Per la prima volta dimostriamo che l’attivazione della LC in tempo reale, con tecniche specifiche per le cellule, provoca questo effetto“, ha detto Bari.

I risultati, hanno poi precisato gli autori, potrebbero dare un importante contributo agli sforzi per comprendere e trattare meglio i disturbi psichiatrici in cui il controllo attenzionale o una delle sue capacità componenti è compromessa, come il deficit di attenzione e il disturbo da iperattività (ADHD).

I pazienti affetti da ADHD possono soffrire sia di distraibilità che di impulsività“, ha detto il coautore e ricercatore Michele Pignatelli “ma si possono avere anche casi caratterizzati principalmente da una presentazione disattenta o da una presentazione iperattiva-impulsiva. Forse possiamo concepire nuove strategie per affrontare diversi tipi di ADHD“. Inaspettatamente lo studio ha anche sollevato nuovi interrogativi sul ruolo della LC nell’ansia, ha detto Bari, perché con sorpresa del team, stimolando l’attività della LC è successo anche per ridurre l’ansia nei topi.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Apnea notturna e demenza, quali collegamenti?

Un nuovo studio della Monash University ha scoperto che l’apnea ostruttiva del sonno è potenzialmente ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *