Home / Attualità / Disregolazione emotiva, psicopatia e aggressività

Disregolazione emotiva, psicopatia e aggressività

Un’associazione rilevante tra la psicopatia e le condotte di stampo aggressivo è ormai appurata dal mondo scientifico ed è per questo che molti studiosi cercano costantemente di approfondire con sempre maggiore dettaglio le correlazioni esistenti tra questi due fenomeni ed i meccanismi alla base del loro funzionamento.

Alcune recenti ricerche di settore hanno notato alcune associazioni particolarmente interessanti tra la psicopatia e la disregolazione emotiva, ossia una difficoltà nella regolazione delle proprie emozioni. Quale ruolo ha quindi la disregolazione emotiva nell’ambito della psicopatia? Ecco le più nuove teorie in merito.

Cos’è la psicopatia?

Volendo dare una definizione di psicopatia la si può definire come un disturbo della personalità contraddistinto da comportamenti impulsivi ed irresponsabili, accentuata insensibilità e sfruttamento interpersonale, che si accompagnano a spiccate e croniche tendenze antisociali.

Data la profonda correlazione tra la psicopatia, le condotte aggressive ed i comportamenti violenti, uno dei settori in cui questo disturbo si manifesta maggiormente e presenta la più forte rilevanza è quello della giustizia forense e penale. È anche per questo che i ricercatori sono sempre più interessati a definire con precisione i meccanismi che mettono in collegamento la psicopatia con l’aggressività.

Le più recenti ricerche in merito

Gli studi effettuati da Donahue et al., nel 2014 oltre che da Garofalo & Neumann, nel 2018 avevano già evidenziato alcune peculiari relazioni, un tempo trascurate, tra la psicopatia e la difficoltà nella regolazione delle emozioni, ossia il procedimento che consente un corretto monitoraggio, un’opportuna valutazione ed un’ottimale gestione dell’esperienza emotiva e del comportamento, pur sotto un’intensa eccitazione emotiva.

Non è ancora abbastanza chiaro però se tale disfunzione emotiva offra una valida spiegazione alle associazioni tra aggressività e psicopatia, appurate e consolidate nelle ricerche.

Uno studio eseguito da Garofalo et al., nel 2020 ha voluto esaminare più a fondo il ruolo della disregolazione emotiva quale fattore di mediazione tra psicopatia ed aggressività.

Sono stati due i campioni oggetto del test: il primo comunitario ed il secondo composto da trasgressori della legge ospiti di sette diversi istituti carcerari di due regioni del nord Italia.

I partecipanti alla ricerca sono stati sottoposti alle seguenti tipologie di test specifici:

– il Self-Report Psychopathy-Short Form per la misurazione dei tratti psicopatici (SRP-SF; Paulhus et al., 2016)

– la Difficulties in Emotion Regulation Scale per la valutazione della disregolazione emotiva; (DERS; Gratz & Roemer, 2004)

l’Aggression Questionnaire (AQ; Buss & Perry, 1992) per individuare i tratti legati all’aggressività come ostilità, rabbia, aggressività fisica e/o verbale

– il Reactive – Proactive Aggression Questionnaire volto alla misurazione dell’aggressività reattiva e proattiva (RPQ; Raine et al., 2006)

Cos’è emerso dai risultati di tale ricerca?

In entrambi i campioni sottoposti alla sperimentazione, attraverso questo raffinato test è stato possibile osservare come la psicopatia avesse un considerevole effetto indiretto su tutti gli indici di aggressività, proprio attraverso la disregolazione emotiva. Eccezione fatta per l’aggressività verbale.

Tali dati sono in grado di supportare la tesi secondo la quale la (dis)regolazione delle emozioni ha un ruolo di rilievo nella costruzione del costrutto di psicopatia, così come nelle sue associazioni con altre tendenze comportamentali.

Il test evidenzia inoltre quanto, nell’ambito di interventi mirati a ridurre l’aggressività in individui con tratti psicopatici, un attento lavoro sulla regolazione delle emozioni possa avere effetti positivi ed altamente produttivi di risultati.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Apnea notturna e demenza, quali collegamenti?

Un nuovo studio della Monash University ha scoperto che l’apnea ostruttiva del sonno è potenzialmente ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *