Home / Attualità / Disturbi mentali, il ruolo dell’inquinamento atmosferico nei bambini

Disturbi mentali, il ruolo dell’inquinamento atmosferico nei bambini

Uno studio condotto su un vasto campione di giovani adulti che vivono nel Regno Unito ha scoperto che vi sono tassi più elevati di sintomi di malattia mentale tra le persone maggiormente esposte a livelli più alti di inquinamento atmosferico legati al traffico, e in particolare ossidi di azoto, durante l’infanzia e l’adolescenza.

Già studi precedenti avevano identificato un legame tra l’inquinamento atmosferico e il rischio di specifici disturbi mentali, tra cui la depressione e l’ansia. Tuttavia, questo studio è andato più a fondo, esaminando i cambiamenti nella salute mentale che abbracciano tutte le forme di disturbo e disagio psicologico associati all’esposizione agli inquinanti atmosferici legati al traffico.

I risultati, che sono stati pubblicati lo scorso 28 aprile su JAMA Network Open, rivelano che maggiore è l’esposizione di un individuo agli ossidi di azoto attraverso l’infanzia e l’adolescenza, più probabilità ha di mostrare segni di malattia mentale al passaggio all’età adulta, all’età di 18 anni, quando la maggior parte dei sintomi di malattia mentale sono emersi o iniziano ad emergere.

Il legame tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e sintomi di malattia mentale giovani adulti è modesto, afferma il primo autore dello studio, Aaron Reuben. Tuttavia, “poiché le esposizioni nocive sono così diffuse in tutto il mondo, gli inquinanti atmosferici esterni potrebbero essere un contributo significativo al peso globale della malattia psichiatrica“, ha detto.

Nel dettaglio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 9 persone su 10 in tutto il mondo siano esposte ad alti livelli di inquinanti atmosferici esterni, emessi durante la combustione di combustibili fossili in auto, camion e centrali elettriche, e da molti processi di produzione, smaltimento dei rifiuti e industriali.

In questo studio, l’inquinamento atmosferico, un neurotossico, è stato individuato essere un fattore di rischio per l’emersione di malattie mentali. Un fattore più debole di altre determinanti, come la storia familiare, ma di forza uguale a altri neurotossici, come l’esposizione infantile al piombo.

In uno studio precedente, Helen Fisher del King’s College London’s Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience, aveva collegato un’esposizione precoce all’inquinamento atmosferico al rischio di esperienze psicotiche in età adulta, sollevando la preoccupazione che gli inquinanti atmosferici possano esacerbare il rischio di psicosi a distanza di anni.

Combinando a sua volta i risultati cui è giunto in autonomia, con quelli di altri studi che mostrano un aumento dei ricoveri ospedalieri per molte malattie psichiatriche durante i giorni di “scarsa” qualità dell’aria in Paesi come Cina e India, lo studio attuale conclude che “l’inquinamento atmosferico è probabilmente un fattore di rischio non specifico per la malattia mentale”.

I ricercatori hanno dunque misurato l’esposizione agli inquinanti atmosferici – in particolare gli ossidi di azoto (NOx), un inquinante gassoso regolamentato, e il particolato fine (PM2.5), un inquinante aerosol regolamentato con particelle sospese sotto 2.5 micron di diametro – modellando la qualità dell’aria intorno alle case dei membri dello studio all’età di 10 e 18 anni utilizzando modelli di dispersione dell’aria di alta qualità e i dati forniti dal National Atmospheric Emissions Inventory del Regno Unito e l’inventario delle emissioni del traffico stradale dell’Imperial College UK. Il 22% dei membri dello studio è risultato avere un’esposizione a NOx che superava le linee guida dell’OMS, e l’84% aveva un’esposizione a PM2.5 che superava le linee guida.

Il team di ricerca ha anche valutato la salute mentale dei partecipanti all’età di 18 anni. I sintomi associati a dieci diversi disturbi psichiatrici – dipendenza da alcol, cannabis o tabacco; disturbo della condotta e disturbo da deficit di attenzione/iperattività; depressione maggiore, disturbo d’ansia generalizzato, disturbo da stress post-traumatico e disturbo alimentare; e sintomi di disturbo del pensiero relativi alla psicosi – sono stati utilizzati per calcolare una singola misura di salute mentale, chiamato il fattore di psicopatologia (p-fattore).

Più alto è il punteggio del fattore p di un individuo, maggiore è il numero e la gravità dei sintomi psichiatrici identificati. Gli individui possono anche differire sulla loro salute mentale attraverso sottodomini di psicopatologia, che raggruppano i sintomi di disagio o disfunzione che si manifestano in modi esteriormente visibili (problemi esternalizzanti, come il disturbo della condotta), vissuti in gran parte internamente (problemi internalizzanti, come l’ansia), e attraverso deliri o allucinazioni (sintomi di disturbo del pensiero). Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute mentale sono stati osservati attraverso questi sottodomini della psicopatologia, con i collegamenti più forti ai sintomi del disturbo del pensiero.

Peraltro, solo per questo studio, i ricercatori hanno anche valutato le caratteristiche dei quartieri dei bambini per tenere conto delle condizioni svantaggiose delle zone che si associano a livelli più elevati di inquinamento atmosferico e a un maggiore rischio di malattia mentale, tra cui la deprivazione socioeconomica, la fatiscenza fisica, la disconnessione sociale e la pericolosità. Sebbene i livelli di inquinamento atmosferico fossero maggiori nei quartieri con condizioni economiche, fisiche e sociali peggiori, l’aggiustamento dei risultati dello studio per le caratteristiche del quartiere non ha alterato i risultati, né l’aggiustamento per i fattori individuali e familiari, come i problemi emotivi e comportamentali dell’infanzia o lo status socioeconomico familiare e la storia di malattia mentale.

Sebbene i risultati siano sicuramente più rilevanti per i Paesi ad alto reddito con solo livelli moderati di inquinanti atmosferici esterni, come gli Stati Uniti e il Regno Unito, in realtà dallo studio emergono implicazioni piuttosto interessanti anche per i Paesi a basso reddito, i Paesi in via di sviluppo con maggiori esposizioni all’inquinamento atmosferico, come Cina e India. “Non sappiamo quali siano le conseguenze sulla salute mentale di esposizioni all’inquinamento atmosferico molto elevate, ma questa è un’importante domanda empirica che stiamo approfondendo“, ha detto Fisher.

 

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

La sfida della disintossicazione digitale

L’avvento della tecnologia ha fatto sì che ognuno di noi trascorra gran parte del suo ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *