Home / Attualità / Empatia e immedesimazione: ecco come funzionano nel nostro cervello

Empatia e immedesimazione: ecco come funzionano nel nostro cervello

Capire cosa vogliono da noi gli altri, come si sentono e come percepiscono il mondo, sono capacità che stanno divenendo sempre più importanti nella nostra società, complessa e globalizzata. Le competenze sociali ci permettono infatti di fare amicizia e di creare una rete di persone che ci sostengono. Ma non tutti trovano facile interagire con le altre persone. E una delle ragioni principali è che due delle più importanti abilità sociali – l’empatia, cioè la capacità di entrare in connessione positiva con le emozioni dell’altra persona, e la capacità di assumere una prospettiva, cioè la capacità di ottenere un’informazione adottando il punto di vista di un’altra persona – sono sviluppate in gradi diversi.

I ricercatori hanno cercato a lungo di scoprire cosa aiuta a capire gli altri. Più si conoscono queste due abilità sociali, meglio si possono aiutare le persone a formare relazioni sociali. Tuttavia, non è ancora chiaro cosa siano esattamente l’empatia e la presa di prospettiva (quest’ultima è anche conosciuta come “teoria della mente”).

Essere in grado di leggere le emozioni di una persona attraverso i suoi occhi, o interpretare le motivazioni e il senso dell’azione di un’altra persona, sono situazioni comuni che richiedono lo sviluppo delle importanti abilità di cui sopra, combinate tra di loro. Se in una situazione, infatti, è necessario interpretare sguardi ed espressioni facciali, in un’altra può essere necessario pensare insieme al background culturale del narratore o conoscere le sue esigenze attuali.

Finora sono stati condotti innumerevoli studi che esaminano l’empatia e la prospettiva nel suo complesso. Tuttavia, non è stato ancora chiarito cosa costituisce il nucleo di entrambe le competenze e dove si trovano le loro basi nel cervello. Philipp Kanske, ex capo del gruppo di ricerca MPI CBS e attualmente professore alla TU di Dresda, insieme a Matthias Schurz del Donders Institute di Nijmegen, Paesi Bassi, e un team internazionale di ricercatori, hanno ora sviluppato un modello esplicativo completo.

Entrambe queste abilità sono elaborate nel cervello da una “rete principale” specializzata nell’empatia o nel cambiamento di prospettiva, che si attiva in ogni situazione sociale. Ma, a seconda della situazione, si tratta anche di reti aggiuntive, spiega Kanske, facendo riferimento ai risultati dello studio, appena pubblicato sulla rivista Psychological Bulletin. Se leggiamo i pensieri e i sentimenti degli altri, ad esempio, dai loro occhi, si coinvolgono altre regioni aggiuntive rispetto a quelle che deduciamo dalle loro azioni o da una narrazione. Il cervello è quindi in grado di reagire in modo molto flessibile alle esigenze individuali.

Per l’empatia, una rete principale in grado di riconoscere situazioni estremamente significative, ad esempio elaborando la paura, lavora insieme ad altre regioni specializzate, ad esempio per il riconoscimento del volto o del parlato. Quando si cambia prospettiva, a loro volta, le regioni che vengono utilizzate anche per ricordare il passato o per fantasticare sul futuro, cioè per pensieri che si occupano di cose che non possono essere osservate al momento, sono attive come rete principale. Anche in questo caso, in ogni situazione concreta vengono attivate altre regioni cerebrali.

Attraverso le loro analisi, i ricercatori hanno anche scoperto che problemi sociali particolarmente complessi richiedono una combinazione di empatia e di cambiamento di prospettiva. Le persone particolarmente competenti dal punto di vista sociale sembrano vedere l’altra persona in entrambi i modi – sulla base dei sentimenti e dei pensieri. A loro giudizio, trovano poi il giusto equilibrio tra le due cose.

La nostra analisi mostra anche, tuttavia, che la mancanza di una delle due abilità sociali può anche significare che questa abilità non è limitata nel suo insieme. Può essere che solo un certo fattore ne sia influenzato, come la comprensione delle espressioni facciali o della melodia del discorso“, aggiunge Kanske. Un singolo test non è quindi sufficiente a certificare la mancanza di abilità sociali di una persona. Piuttosto, ci deve essere una serie di test per valutarle effettivamente come se avessero poca empatia, o come se non fossero in grado di prendere il punto di vista dell’altra persona.

Gli scienziati hanno indagato queste relazioni attraverso una meta-analisi su larga scala. Hanno identificato, da un lato, i punti in comune nel modello di risonanza magnetica dei 188 studi individuali esaminati quando i partecipanti hanno usato l’empatia o la presa di prospettiva, ottenendo così la localizzazione delle regioni centrali del cervello per ciascuna delle due abilità sociali. I risultati hanno anche indicato come i modelli di risonanza magnetica differissero a seconda del compito specifico e, quindi, quali regioni cerebrali aggiuntive sono state utilizzate.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Quanto è utile trascorrere del tempo nella natura?

Trascorrere del tempo nella natura è un evidente beneficio per la salute mentale delle persone. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *