Home / Attualità / Esercizio fisico e memoria, nuovo studio apre interessanti scenari
Sentimenti ed emozioni il malato di Alzheimer li ricorda
Sentimenti ed emozioni il malato di Alzheimer li ricorda

Esercizio fisico e memoria, nuovo studio apre interessanti scenari

Negli anni gli scienziati hanno raccolto numerose prove in grado di creare collegamenti solidi tra l’esercizio fisico e la salute del cervello, con alcune ricerche recenti che suggeriscono, in particolar modo, che il fitness possa altresì migliorare la memoria. Ma cosa succede durante l’esercizio fisico? Perché si dice che l’esercizio fisico possa realmente attivare questi benefici?

Ad affermare qualche interessante valutazione è la nuova ricerca condotta da UT Southwestern, che ha mappato i cambiamenti cerebrali dopo un anno di allenamenti aerobici, scoprendo un processo potenzialmente critico: l’esercizio fisico aumenta il flusso sanguigno in due regioni chiave del cervello associate alla memoria. In particolare, lo studio ha dimostrato che questo flusso sanguigno può aiutare anche le persone anziane con problemi di memoria a migliorare la cognizione, una scoperta che gli scienziati dicono possa guidare la ricerca futura sulla malattia di Alzheimer.

Forse un giorno potremo sviluppare un farmaco o una procedura che si rivolga in modo sicuro al flusso di sangue in queste regioni cerebrali“, afferma Binu Thomas, Ph.D., un ricercatore senior dell’UT Southwestern nel campo della neuroimmagine. “Ma abbiamo appena iniziato a esplorare la giusta combinazione di strategie per aiutare a prevenire o ritardare i sintomi del morbo di Alzheimer. C’è molto di più da capire sul cervello e sull’invecchiamento”.

Flusso sanguigno e memoria

Lo studio, pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease, ha documentato i cambiamenti nella memoria a lungo termine e nel flusso sanguigno cerebrale in 30 partecipanti, ognuno di loro di almeno 60 anni di età, e affetto da problemi di memoria. La metà di loro è stato impegnato in 12 mesi di allenamento aerobico; il resto ha fatto solo stretching.

Il gruppo che era coinvolto in esercizi fisici ha mostrato un miglioramento del 47% dei punteggi di memoria dopo un anno rispetto al minimo cambiamento nei partecipanti allo stretching. Le immagini cerebrali del gruppo di esercizi, prese mentre erano a riposo all’inizio e alla fine dello studio, hanno mostrato un aumento del flusso sanguigno nella corteccia anteriore e nell’ippocampo – regioni neurali che giocano un ruolo importante nella funzione della memoria.

Altri studi hanno documentato benefici per adulti cognitivamente normali su un programma di esercizio, tra cui una precedente ricerca di Thomas che ha mostrato che gli atleti anziani hanno un migliore flusso sanguigno nella corteccia rispetto agli adulti sedentari più anziani. Ma la nuova ricerca è significativa perché trama il miglioramento su un periodo più lungo negli adulti ad alto rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

“Abbiamo dimostrato che anche quando la memoria inizia a sbiadire, si può ancora fare qualcosa aggiungendo l’esercizio aerobico al proprio stile di vita“, dice Thomas.

Alzheimer e esercizio fisico

Recenti ricerche hanno aiutato gli scienziati ad acquisire una maggiore comprensione della genesi molecolare della malattia, tra cui una scoperta del 2018 dell’UT Southwestern, e in particolar modo del ricercatore Peter O’Donnell, che sta guidando una nuova ricerca per individuare la condizione prima che i sintomi si manifestino. Eppure, i miliardi di dollari spesi in tutto il mondo per la ricerca su come prevenire o rallentare la demenza non hanno prodotto alcun trattamento comprovato che renda possibile una diagnosi precoce per i pazienti.

Gli scienziati dell’UT Southwestern sono dunque tra i molti team di studiosi, in tutto il mondo, che stanno cercando di determinare se l’esercizio fisico possa essere il primo intervento di questo tipo. Le prove dimostrano che potrebbe almeno svolgere un piccolo ruolo nel ritardare o ridurre il rischio del morbo di Alzheimer.

Per esempio, uno studio del 2018 ha dimostrato che le persone con livelli di esercizio fisico più bassi hanno sperimentato un deterioramento più rapido delle fibre nervose vitali nel cervello, la materia bianca. Uno studio pubblicato l’anno scorso ha mostrato l’esercizio correlato con il deterioramento più lento dell’ippocampo.

Per quanto riguarda l’importanza del flusso di sangue, Thomas dice che un giorno può essere utilizzato in combinazione con altre strategie per preservare la funzione del cervello nelle persone con lieve deficit cognitivo. “Il flusso sanguigno cerebrale è una parte del puzzle, e dobbiamo continuare a ricostruirlo“, dice Thomas. “Ma abbiamo visto abbastanza dati per sapere che iniziare un programma di esercizio fisico può avere benefici per tutta la vita sia per il nostro cervello che per il nostro cuore”.

About Roberto Rais

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Vedi Anche

Ipnoterapia consapevole: una nuova linea per chi soffre di stress eccessivo

I ricercatori americani della Baylor University hanno studiato un nuovo intervento nel campo della terapia ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *