Home / Attualità / Essere perfezionisti puo’ portare più facilmente alla depressione? Ce lo dice uno studio!
perfezione-depressione

Essere perfezionisti puo’ portare più facilmente alla depressione? Ce lo dice uno studio!

Troppo spesso, riduciamo la depressione a un concetto chiuso. La etichettiamo, la definiamo, e decidiamo che si manifesta in un solo modo. Ma, ancora più spesso, la depressione si nasconde dietro una maschera.

Tipicamente, percepiamo la depressione come una tristezza lenta e un totale disinteresse. Con questa definizione, si potrebbe pensare che il perfezionismo sia l’atteggiamento più lontano dalla depressione: preoccuparsi troppo contro non preoccuparsi affatto.

Ma la verità è che entrambi sono molto più complessi delle loro etichette.

Perfezionismo e nevrosi: Come la personalità influisce sulla depressione

I tratti della personalità possono essere forti predittori della depressione. Uno di questi tratti include la nevrosi: la tendenza a sperimentare uno stato emotivo negativo.

Ma la nevrosi è anche legata al perfezionismo: l’atteggiamento di imporre a sé stessi o agli altri standard irrealistici. Quando la perfezione è lo standard, può sembrare di non essere mai “abbastanza”. Può portarti a criticarti costantemente, portandoti a vivere in uno stato emotivo negativo.

Attraverso uno studio dedicato i ricercatori si sono chiesti dunque se: il perfezionismo può aiutare a prevedere e comprendere la depressione? Dopo aver condotto una meta-analisi di 10 studi longitudinali, ecco cosa hanno scoperto:

Il perfezionismo gioca un ruolo importante nella previsione della depressione

Nel loro studio del 2016, hanno scoperto che la nevrosi era il più forte predittore della depressione in termini di personalità. Tuttavia, anche senza la nevrosi come fattore, il perfezionismo ha avuto un impatto significativo. Infatti, tutte e sette le dimensioni del perfezionismo (preoccupazione per gli errori, dubbi sulle azioni, atteggiamenti perfezionisti, standard personali, autocritica, perfezionismo auto-orientato e perfezionismo socialmente prescritto) erano predittori dei sintomi depressivi.

I perfezionisti tendono a sentire, pensare e agire in un modo che può portare alla depressione. Le dimensioni del perfezionismo includono l’auto-dubbio, l’autocritica, la preoccupazione per gli errori e gli standard irrealistici per sé stessi e per gli altri.

Quando si continua a dubitare e a sminuirsi, è facile non sentirsi mai abbastanza. Sfortunatamente, questi tratti della personalità possono portare alla depressione nel tempo.

Perché i perfezionisti sono inclini alla depressione?

Il perfezionismo è un tratto di personalità altamente sociale. Influenza le nostre relazioni con gli altri e con noi stessi. I perfezionisti possono sviluppare la depressione a causa dei seguenti fattori:

  • Relazioni malsane: i perfezionisti si pongono aspettative irrealistiche per sé stessi e per gli altri. Questo può causare relazioni tese e interazioni sociali negative.
  • Atteggiamento pessimista: a causa di questi alti standard, i perfezionisti tendono a vedere gli altri sotto una luce negativa. Di conseguenza, possono affrontare le situazioni con un atteggiamento pessimista – sono già delusi.
  • Scarse abilità di gestione dello stress: i perfezionisti si trovano spesso ad affrontare stress quotidiani, ma non sviluppano abilità di gestione sana per gestirli. Tendono ad evitare o rimandare le loro liste di cose da fare per evitare pressione e aspettative.
  • Bassa autostima: il perfezionismo può anche portare a una scarsa immagine di sé e fiducia. Si sentono bene solo quando hanno raggiunto la “perfezione.”
  • Bassa soddisfazione: i perfezionisti stanno sempre cercando di “raggiungere” i loro alti standard. Di conseguenza, tendono a sentirsi meno felici dei loro successi e sono costantemente insoddisfatti della loro vita.

Solo comprendendo le tendenze perfezionistiche è possibile iniziare ad alleggerire il peso delle aspettative irrealistiche. La terapia può aiutare a sviluppare abilità di gestione dello stress, insieme ad un atteggiamento positivo e alla giusta autostima. Bisogna iniziare a curare il rapporto con se stessi e con gli altri. Man mano che lo si fa, ci si liberare dalla pressione del perfezionismo e si trova una speranza.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Come scoprire il proprio sè dopo aver subito un trauma

Scoprire il proprio vero sé può essere per alcuni un processo di recupero, mentre per ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *